Monday, 21/10/2019 UTC+2
IL SAPERE
IL SAPERE

Nibiru/Marduk/Hercolubus/Pianeta X [R]

Nibiru/Marduk/Hercolubus/Pianeta X [R]

Post by relatedRelated post

Nibiru per gli antichi Sumeri era il corpo celeste associato al dio Marduk. Il nome deriva dalla lingua accadica e significa punto di attraversamento o di transizione. Nella maggior parte dei testi babilonesi è identificato col pianeta Giove (nella tavoletta n. 5 dell’Enûma Eliš potrebbe essere la Stella Polare, che a quel tempo non era quella di oggi a causa della precessione degli equinozi e degli altri movimenti come la nutazione, ma Thuban o forse Kochab).

Sitchin, sulla base di una propria interpretazione personale delle scritture sumeriche, giunge alla convinzione che Nibiru sia un diverso e sconosciuto pianeta. Nella sua costruzione teorica affianca al pianeta Nibiru il pianeta Tiamat. Quest’ultimo sarebbe esistito collocandosi tra Marte e Giove. Egli suppone che fosse un fiorente mondo con giungle e oceani la cui orbita fu distrutta dall’arrivo di un grande pianeta e di una piccola stella che attraversò il sistema solare tra i 65 milioni e i 4 miliardi di anni fa. La nuova orbita assunta da Tiamat avrebbe fatto sì che collidesse con Nibiru. I detriti di questa collisione avrebbero dato vita alla fascia principale, alla Luna e alla Terra.

Per misurare la precessione degli equinozi, tra gli antichi Sumeri e in Babilonia, il cielo sarebbe stato diviso in 7 spicchi, ciascuno dedicato a uno dei 7 maggiori Anunnaki, ogni spicchio misurante circa 50 gradi sull’equatore celeste. Con la precessione l’equinozio di primavera si sposta nel corso dei secoli lungo l’eclittica, attraversando via via i vari spicchi in cui era diviso il cielo. Il passaggio del punto equinoziale da uno spicchio all’altro determinava l’attraversamento di una fascia di confine di circa 1,5 gradi, corrispondente a circa 3 volte il diametro apparente della Terra proiettata sulla Luna durante un’eclissi. Tale fascia di attraversamento era Nibiru, nella quale la sovranità del cielo non apparteneva ad alcun Anunnaki particolare, e dunque gli dei potevano scendere sulla Terra. Ogni 3600 anni si ripete il passaggio tra uno spicchio di cielo e l’altro, e si ha il ritorno di Nibiru.

 

image

Clicca sulla foto per guardare il video

Viviamo in un tempo in cui il senso comune è diventato abbastanza raro. Allo stesso modo, la voce della ragione è fuggita via dall’umanità. Per queste ragioni il seguente saggio sarà molto difficile per molti da capire o da credere.

Se si stanno seguendo le vicende del mondo in questi tempi tumultuosi, si sa che gli eventi che cambieranno per sempre l’intera civiltà planetaria sono all’orizzonte. Useresti i media mainstream mondiali per dirlo a tutti? Se questi eventi sconvolgenti sono inarrestabili, vorresti diffondere tali informazioni?

Se la vostra risposta è “Sì”, cosa farebbero i 7 miliardi e più di persone che risiedono sul Pianeta Terra il giorno dopo? Cioè, dopo avergli detto che il loro mondo sta per finire. Andranno ancora a lavorare? Saranno ancora in grado di continuare a sostenere la società dei consumi? Molti di loro non avranno neanche più la voglia di alzarsi dal letto dopo aver sentito quello che sta per succedere.

Questa è la sfida che il Governo Ombra (WSG) deve affrontare.

Tenete a mente che queste persone sanno benissimo cosa si trova dietro l’angolo. Tramite i loro osservatori strategicamente ubicati e i loro telescopi ad alta potenza, hanno accesso a dati scientifici e fenomeni astronomici così catastrofici da non avere altra alternativa che: • distrarci • ingannarci • distogliere la nostra attenzione

Questo è caos incontrollato. Sanno che il vero caos in arrivo non li tratterà bene, pertanto, il pandemonio sociale è la loro più grande preoccupazione. La volatilità finanziaria incontrollata servirà solo a distruggere la loro matrice di controllo.

Tramite l’acquisizione di questa conoscenza si può meglio discernere le innumerevoli, irragionevoli, irrazionali, senza cervello e sciocche, pazze e folli azioni adottate dal Governo Ombra Mondiale. Ovviamente sanno che il loro tempo è scaduto, di conseguenza, essi hanno sempre meno controllo su come andrà a finire.

Sì può avere un piano A, un piano B e un piano C, tuttavia, ci sono molte eventualità sulle quali hanno molta meno influenza di quella a cui sono abituati. I loro bunker sepolti in profondità nel sottosuolo possono non essere tanto protetti come si pensava, ne i loro siti situati fuori dal pianeta sono esenti dalle calamità del sistema solare, come un tempo credevano. I loro esperimenti con i viaggi del tempo, viaggi interstellari, wormholes, universi paralleli, tecnologia tabula rasa e invisibilità si sono già dimostrati disastrosi.

Secondo voi, esattamente, cosa è che preoccupa così tanto la cabala?

Non stiamo asserendo che tutte le previsioni scientifiche di Carlos Muñoz Ferrada sono esatte. Profezie di questa natura raramente sono perfette. Tuttavia, ciò che questo astronomo e sismologo altamente intuitivo e dotato ci ha detto, non può essere ignorato.

Carlos Muñoz Ferrada, ha previsto con straordinaria precisione numerosi terremoti in Sud America durante il secolo scorso. Lo ha fatto, facendo correlazioni dirette tra specifici fenomeni astronomici e vari terremoti catastrofici ed eruzioni vulcaniche. La sua previsione più significativa riguarda il “futuro arrivo di una grande Cometa-Pianeta”.

Nel video, Ferrada lo chiama una Cometa-Pianeta, perché ha le dimensioni di un pianeta e l’orbita ellittica e velocità di una cometa.

Che ci crediate o no ciò che il video ritrae non è essenziale. Ciò che conta è che ci sono stati numerosi pronostici di questa natura nel corso dei millenni che semplicemente non possono più essere ignorati, sopratutto di fronte a prove così pervasive e coinvolgenti.

Che tipo di prove? Prima è importante sottolineare che l’America Latina ha prodotto altri veggenti di talento proprio come Carlos Muñoz Ferrada. Qui ci sono tre di quegli individui che hanno fatto riferimento in modo indipendente ai futuri eventi delineati da Carlos Ferrada.

(1) VM Rabolù (1926 – 2000) è nato nel Tolima, Colombia:

“Nel 1998 scrive ‘Pianeta Hercolubus o Red’, sulla base della sua esperienza diretta e consapevole. VM Rabolù descrive i terribili eventi che accadranno sul nostro pianeta nel breve termine e spiega il percorso che l’essere umano può seguire al fine di ottenere una profonda trasformazione”.

“Hercólubus, un pianeta così chiamato dai saggi dell’antichità, si sta avvicinando al nostro Sistema Solare ed è causa di grande preoccupazione per coloro che conoscono tali fenomeni cosmici. Nel nostro primo incontro, Hercolubus, mise fine alla civiltà di Atlantide. Questi fatti sono opportunamente collegati tra loro attraverso tutte le “Alluvioni Universali” di diverse religioni e culture”.

“La conseguenza della stretta vicinanza di Hercolubus porterà uno sconvolgimento in tutti gli angoli del nostro pianeta.”

(2) Benjamin Solari Parravicini (1898-1974), nato a Buenos Aires, Argentina:

Benjamin Solari Parravicini fu soprannominato ‘Il Nostradamus Americano del Sud’. Ha scritto qualche decennio fa: “L’ora delle ore arriverà e nella sua oscurità riceverà il passaggio del Grande Pianeta. La Terra sarà invertita. Tutto cadrà”.

(3) Samael Aun Weor (6 marzo 1917 – 24 dicembre 1977) è nato come Victor Manuel Gómez Rodriguez a Bogotá, Colombia:

“Samael Aun Weor, il grande maestro gnostico che ha dato numerose conferenze in Messico durante gli anni ’70, ha parlato di Hercolubus e ha spiegato che, nei tempi della fine, si avvicinerebbe alla Terra. Grazie alla sua grande potenza elettromagnetica destabilizzerà la crosta terrestre causando enormi terremoti, maremoti, eruzioni vulcaniche e disastri naturali. Hercolubus avrebbe avvicinato il nostro sistema solare già in precedenti occasioni, scatenando cataclismi che hanno spazzato via la civiltà di Lemuria e quella di Atlantide. Ora, ha detto, starebbe arrivando di nuovo per terminare la nostra civiltà e consentire ad una nuova era di iniziare.”

 image

Perché il Vaticano possiede un osservatorio in Arizona?

Il Vaticano possiede un avanzato telescopio sul Monte Graham in Arizona, il “Graham International Observatory” (MGIO). Condivide la stessa struttura con il ‘Large Binocular Telescope’.

L’Archivio Segreto Vaticano ha probabilmente più volumi di documenti originali in forma di trattati scritturali, nonché documenti storici prodotti dagli antichi, rispetto a qualsiasi altra libreria sulla Terra. La Chiesa Cattolica Romana è ulteriormente informata circa il futuro dell’umanità dalle numerose apparizioni mariane che si sono verificati in tutto il mondo negli ultimi 200 anni. E’ un fatto ben noto che in certi ambienti (ad esempio Curia e Magistero) molte delle profezie non sono mai state rilasciate dalla gerarchia ecclesiastica a causa del terribile contenuto.

Potrebbe essere questo il caso? I controllori delle informazioni sanno che tali dosi di realtà sono semplicemente troppo da sopportare per le masse. Naturalmente hanno deliberatamente fatto trapelare questa informazione nel corso di molti decenni in modo che coloro dotati di orecchie per udire riceveranno il messaggio.

Il Vaticano è anche ben consapevole della profezia di San Malachia per quanto riguarda gli ultimi dieci papi, così come di quelle rivelazioni simili riportate in diverse apparizioni della Madonna. Tramite queste e altre profezie (come quelle di Nostradamus), si è a conoscenza che l’attuale Papa – Francesco I – sarà l’ultimo Pontefice nella tradizione della Chiesa cattolica di Roma. Una di queste profezie parla di quando l’attuale papa sarebbe stato costretto a “fuggire da Roma a dicembre quando la grande cometa è vista durante il giorno.” (ISON?)

Medjugorje è solo una delle più recenti e più famose serie di profezie che indica chiaramente che: “Enormi cambiamenti stanno arrivando sul Pianeta Terra”. Ogni volta che queste previsioni riguardano il cambiamento del territorio terra, hanno sempre parlato di una massiccia, senza precedenti, serie di catastrofici eventi che toccano l’intero regno planetario. Nessun luogo è risparmiato ad eccezione di quelli preordinati come zone franche per la parte protetta di umanità che deve essere salvaguardata. Anche il Terzo Segreto di Fatima riguarda la fine dei tempi ed è per questo che non è mai stato pubblicato ufficialmente dal Vaticano.

L’agente primario di tale massiccio cambiamento globale è solitamente indicato nello spostamento dell’asse terrestre che si sposta, effettivamente, sul suo asse di un certo numero di gradi. Nel suo libro ‘Messaggio di Maria Per Il Mondo’, Annie Kirkwood mette in chiaro che Maria parla della “svolta della terra”.

Un cambiamento dell’asse dei poli è l’unico evento geofisico planetario che può generare così tanti cambiamenti previsti.

La documentazione storica, sia geologica che archeologica, è piena di prove concrete del periodico catastrofismo planetario. Il nostro globo azzurro ha, infatti, vissuto riarrangiamenti della massa di terra globale alla chiusura di ogni epoca fin dall’inizio dei tempi. Mentre si avvicina l’attuale epilogo del Kali Yuga (Età del Conflitto), è certo che la Terra sarà ancora una volta spostata dal suo asse, in modo che le vecchie terre possano essere ringiovanite e rinfrescate e le nuove terre possano emergere per sostenere la nuova Umanità.

Quindi, la domanda da un milione di dollari è: che tipo di evento celeste avrebbe fornito la forza necessaria interplanetaria per provocare uno spostamento della Terra sul suo asse?

Escludendo una forma invisibile di deus ex machina, per produrre un tale risultato solo un intruso celeste di grande ordine possederebbe “la stoffa giusta” per causare lo spostamento dei poli, un intruso che varie scuole di pensiero promuovono come “Pianeta X”.

image

Pianeta X ~ Nibiru ~ Hercolubus ~ Assenzio ~ 10° Pianeta ~ Pianeta rosso ~ The Destroyer ~ Nemesis ~ Marduk Tyche ~ Stella Rossa Kachina ~ Barnard I

Tutti questi nomi sono stati offerti come candidati per il corpo celeste che potrebbe essere il responsabile sia per il passato che per il futuro catastrofismo sulla Terra. Questo non vuol dire che non ci sono altre diverse possibilità se si considerano i vari scenari apocalittici a cui il pianeta è stato sottoposto.

Tuttavia, gli asteroidi, le grandi meteore, i lampi gamma e le supernove hanno le loro evidenti carenze quando si cerca di spiegare un evento come quello dello spostamento dei poli.

Di tutte le teorie che sono su internet quella riguardante Hercolubus sembra essere la più plausibile e sembra anche essere quella che costituisce la base per tutti le altre. Anche la storia di Nibiru e quella del suo popolo Annunaki, sembra aver avuto origine dalla versione di Hercolubus.

E’ vero, il Sole ha attraversato alcuni cambiamenti importanti nel corso degli ultimi decenni. Ci chiediamo se la sua nuova posizione nella galassia, vis-s-vis con il Centro Galattico, è sufficiente a determinare una trasformazione così profonda e fondamentale. Ci chiediamo anche, se ci sono altri eventi galattici – sia visibili che invisibili – che possono innescare e sostenere il nuovo comportamento del sole.

Con l’invecchiamento, il sole, è molto probabile che stia semplicemente entrando in una nuova fase dell’esistenza, non troppo diversamente da un adolescente che diventa un giovane adulto. Tuttavia esiste una schiacciante quantità di prove che puntano direttamente all’influenza della sfera Cometa-Planetaria all’interno delle ampie zone del nostro Sistema Solare. Questo spiegherebbe anche molte delle modifiche recenti e radicali subite da tutti gli altri pianeti.

Un pianeta con un immenso campo gravitazionale sarebbe richiesto per spostare l’asse in questione. Tale corpo celeste dovrebbe anche possedere altre proprietà straordinarie e caratteristiche uniche al fine di effettuare un Pole Shift. In altre parole, sembrerebbe avere un proprio tipo di ‘intelligenza’.

Quindi ora la domanda principale è: dove si trova?

Dove dovrebbe trovarsi in questo momento il corpo celeste che si dirige verso il nostro sistema solare? Il Dr. Gerry Neugebauer, IRAS, capo scienziato del ‘Jet Propulsion Laboratory’ della NASA e direttore dell’Osservatorio di Palomar in California per l’Istituto di Tecnologia della California disse in un articolo finito sul Washington Post del 1983:

“Un corpo celeste forse grande quanto il gigantesco pianeta Giove, è stato trovato in direzione della costellazione di Orione da un telescopio orbitante a bordo del satellite astronomico a infrarossi degli Stati Uniti.”

L’oggetto è così misterioso che gli astronomi non sanno se è un pianeta, una cometa gigante, una vicina protostella che non ha mai avuto abbastanza caldo da diventare una stella, una galassia distante così giovane che è ancora nella fase di formazione delle sue prime stelle o una galassia così avvolta nella polvere che nessuna luce delle sue stelle mai passa attraverso. Tutto quello che posso dirvi è che noi non sappiamo cosa sia”. Un altro celebre astronomo, Dr. Robert S. Harrington, era convinto dell’esistenza di un “Pianeta X”, a causa delle perturbazioni che molti astronomi avevano osservato verificarsi tra Nettuno e Urano. “Robert Sutton Harrington (21 ottobre 1942 – 23 gennaio 1993) è stato un astronomo americano che ha lavorato presso il ‘United States Naval Observatory’ (USNO). Harrington divenne credente riguardo l’esistenza di un Pianeta X oltre Plutone e intraprese delle ricerche che ebbero risultati positivi provenienti dalla sonda IRAD nel 1983. Harrington ha collaborato inizialmente con TC (Tom) Van Flandern.” (Wikipedia – Robert Sutton Harrington) “Quando gli scienziati hanno notato che Urano non seguiva la sua orbita prevista, non hanno messo in discussione le loro teorie. Hanno detto di essere sicuri, invece, che l’anomalia era causata da un pianeta ancora invisibile. Ora gli astronomi stanno usando la stessa strategia per spiegare le stranezze nelle orbite di Urano e Nettuno. Secondo John Anderson del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California, questo strano comportamento suggerisce che il sole ha un compagno invisibile, una stella oscura gravitazionalmente legata ad esso ma a miliardi di chilometri di distanza. … Altri scienziati suggeriscono che la causa più probabile delle lacerazioni orbitali è un decimo pianeta situato a 4-7000000000 miglia oltre Nettuno. Una stella compagna dovrebbe tirarsi i pianeti esterni, non solo Urano e Nettuno, dice Thomas Van Flandern del US Naval Observatory, e ammette che l’esistenza di un decimo pianeta è possibile, ma sostiene che avrebbe dovuto essere così grande che avrebbe dovuto essere scoperto da tempo” – Da “Il sole ha un Compagno Oscuro? ” – Newsweek, 28 giugno 1982

image

Cosa sta causando i drammatici cambiamenti in tutto il Sistema Solare? I pianeti – tutti loro – hanno sperimentato una drammatica trasformazione senza precedenti, mai vista o registrata prima. “I pianeti del sistema solare stanno subendo variazioni nelle loro atmosfere. Ad esempio, l’atmosfera di Marte sta diventando considerevolmente più densa e sulla luna della Terra, secondo il dottor Alexey Dmitriev, c’è uno strato di Natrium profondo 6000 km che in precedenza non c’era. Dice che stiamo avendo un cambiamento nei livelli superiori dell’atmosfera terrestre dove si sta formando gas HO che semplicemente non era presente nelle quantità misurate attualmente. Non è legato al riscaldamento globale, non è legato alla CFC ne alle emissioni di fluorocarbonio.” “I campi magnetici e la luminosità dei pianeti stanno cambiando. I pianeti stanno sperimentando un aumento considerevole della loro luminosità complessiva, come nel caso del pianeta Venere, ad esempio. Giove ha una carica energetica talmente elevata da creare un tubo visibile di radiazioni ionizzanti situato tra esso e la sua luna. Si può effettivamente vedere il tubo di energia luminosa nelle foto scattate di recente. Inoltre, l’intensità del campo magnetico di ciascun pianeta è aumentata.” “Urano e Nettuno sembrano aver subito un recente spostamento dei poli.” I cambiamenti globali potrebbero essere essenzialmente suddivisi in tre categorie: • cambiamenti del campo energetico • modifiche della Luminosità • cambiamenti atmosferici – “Il più grande pericolo per la Terra – Hercolubus (Planet X) in arrivo” di Luis Fredas, 29 agosto 2010 Potrebbe la Cometa-Pianeta in arrivo avere qualità iper-dimensionali? In primo luogo, è fondamentale per capire che la natura fisica e il comportamento di questo ipotetico corpo celeste può essere adeguatamente compreso solo se visto attraverso la lente dell’Electric Universe Theory, così come la cosmologia del plasma. Essere consapevoli del fatto che l’universo visibile è composto al 99.999% di “plasmi (“gas” ionizzati), “è l’unico modo per comprendere correttamente le caratteristiche uniche di un corpo celeste di questa natura”. Per esempio, Carlos Ferrada ha dichiarato che Hercolubus viaggia a 300 chilometri al secondo per la metà della sua orbita. Nel video sottolinea che questo è 1/1.000 della velocità della luce, pertanto possiamo solo supporre che questo particolare corpo celeste è letteralmente un BOBY CELESTE!, e cioè un corpo che obbedisce ad una serie di leggi che non possono essere definite ne dalla Meccanica Quantistica ne dalla Teoria della Relatività. Potrebbe anche essere il caso che l’Universo Elettrico non può spiegare adeguatamente le componenti dinamiche di una cometa-pianeta. Per chi non lo sapesse, il campo esoterico della Fisica Iperdimensionale (HDP) sta ancora nella fase iniziale. Essa, tuttavia, fornisce quasi un contesto geo-fisico in cui un corpo celeste di dimensioni e velocità straordinarie può comportarsi come una cometa-pianeta. Sia la teoria dell’Universo Elettrico che quella dell’HDP ospitano molti altri aspetti inspiegabili del sistema solare e delle anomalie della Via Lattea, i quali hanno eluso per decenni la spiegazione scientifica. Allo stesso modo, ci sono innumerevoli altri fenomeni galattici, che l’astronomia e l’astrofisica attuale non sufficientemente illuminano o supportano. Alla luce di queste e molte altre incoerenze rilevate durante gli insegnamenti accademici, si deve rilevare che la saggezza convenzionale è mancante a riguardo. Chiaramente, c’è ben poco spazio per il catastrofismo all’interno degli istituti di ricerca astrofisica o nelle loro riviste scientifiche, né sono raramente affrontati con un minimo di serietà per ragioni che non hanno più a che fare con la premeditata negazione e confusione propositiva, come è stato discusso in precedenza. Sì, tutta la materia è semplicemente troppo radioattiva per essere studiata dall’istituzione. E così rimarrà fino alla fine dei giorni.

image

“Un evento insolito sta per accelerare lo slittamento dell’asse del pianeta Terra. Mi riferisco al pianeta Hercolubus. Questo pianeta è sei volte più grande del pianeta Giove. Il pianeta Hercolubus appartiene al sistema solare distante di Tylo. Il sistema solare di Tylo si sta avvicinando rapidamente al nostro sistema solare e Hercolubus si sta avvicinando rapidamente alla Terra. Gli astronomi moderni hanno davanti ai loro occhi il pianeta Hercolubus, o come è conosciuto dalla scienza moderna, la stella di Barnard. Questo pianeta è un potente gigante che passerà attraverso un angolo del nostro sistema solare. Quando questo accadrà, la rivoluzione dell’asse del pianeta Terra accelererà violentemente, poi si verificherà la catastrofe finale. Alcuni scienziati ritengono che saranno in grado di spingere, questo pianeta mostruoso, via con esplosioni nucleari, ma sarà inutile. Sarà impossibile spingere questa massa enorme fuori dalla traiettoria con semplici bombe nucleari. Questo stesso pianeta ha portato alla distruzione della civiltà di Atlantide. Prima di Atlantide la stessa sorte è toccata a Mu o Lemuria che affondò nelle acque del turbolento Oceano Pacifico, dopo 10.000 anni di terremoti ed eruzioni vulcaniche incessanti.” – Samael Aun Weor, “The Aquarian Message” Quando si verificherà il processo finale? C’è solo una risposta a questa domanda e quelli della Cabala/Illuminati la conoscono. “Quando la conoscenza scientifica e la tecnologia applicata raggiungono un livello critico di avanzamento, senza essere informati da verità spirituali e guidati da autorità morali, la civiltà attuale rinuncerà diritto di continuare ad esistere così com’è.” ~ Cosmic Group Research Convergence E’ davvero così semplice. Questa affermazione coglie anche l’essenza del perché questo momento è così difficile da definire per chiunque, perché quelli che dirigono la ricerca scientifica sanno esattamente quello che stanno facendo. In realtà hanno il loro piede premuto sull’acceleratore. Naturalmente, l’alto potere della Cabala/Illuminati controlla tutto in modo che la verità venga percepita alla stregua di “un ladro nella notte”. Tuttavia, ci sono altri tipi di agenzia con cui inviare il messaggio finale. Resta da vedere se l’agente si presenta in stile deus-ex-machina o sotto forma di un ENORME pianeta rosso noto anche come il “Pianeta della Traversata”. Ciò che è di maggiore interesse per quelli che come noi hanno guardato questo dramma dispiegarsi è sapere esattamente dove nel nostro Sistema Solare il sipario si alzerà. Durante le epoche precedenti, lo show è sempre iniziato nel “luogo di attraversamento” o “luogo di transizione”, come il nome accadico Nibiru.

MARDUK

image

Marduk, dio poliade di Babilonia, in una immagine proveniente da un sigillo cilindrico in lapislazzuli risalente al IX secolo a.C., e dedicato al dio dal re babilonese Marduk-zâkir-šumi (regno: c. 854-819 a.C.). Secondo l’iscrizione che accompagna il manufatto, esso doveva comporsi in oro ed essere appeso alla statua del dio posta nel tempio di Marduk, l’Esagila, a Babilonia. Fu rinvenuto nei resti di una casa di un artigiano di monili del periodo partico. Marduk è qui accompagnato dal serpente-drago con corna Mušhuššu (lett. “Serpente terribile”). Con la mano sinistra regge il listello e la corda, strumenti della giustizia. Il suo corpo è adornato da simboli astrali.

Il nome Marduk è attestato già in antiche fonti sumeriche (ad esempio nella Lista degli dèi rinvenuta ad Abu Salabikh) nella forma di d amar.UD (o AMAR.UTU) nel probabile significato di “Giovane toro del dio Sole” o “Giovane discendente del dio Sole”, il segno AMAR può indicare infatti ambedue i significati, mentre UD/UTU sta a significare il Sole). Ma il nome con cui viene più frequentemente indicato tale dio in lingua accadica, e quindi assira e babilonese, è Bēl (bēlu; resa del sumerico: en), col significato di “Signore”. Con il poema teogonico e cosmogonico dell’Enûma Eliš, risalente probabilmente al XII secolo a.C. egli assurge a guida dell’intero Universo. Nella pietà religiosa babilonese egli possiede un ruolo preminente e fondamentale. « O Marduk guerriero, la cui ira è (come) il diluvio, ma il cui perdono è quello di un padre misericordioso. Parlare senz’essere ascoltato mi ha privato del sonno, gridare senz’avere risposta mi ha tormentato: mi ha fatto svanire le forze del cuore, mi ha incurvato come se fossi un vecchio. O Marduk, grande signore, dio misericordioso, gli uomini, per quanti essi sono, chi li può comprendere nella loro realtà? (Anche) tra i non negligenti, chi non si è (mai) reso colpevole? Chi è colui che comprende le vie di un dio? Che io possa badare a non commettere colpe! Che io possa incessantemente cercare le sedi della vita! L’umanità è destinata dagli dèi ad operare nella maledizione, a sostenere la mano divina (che pesa) sull’uomo. » (Preghiera penitenziale a Marduk, a mano alzata (šu-íl-lá), 1-16. Testo cuneiforme: King, BMS, n.41; Ebeling, LKA n.61. Trascrizione e traduzione Ebeling AGH 72-75 e SAHG 298-300. Traduzione in italiano di Luigi Cagni)

image

Particolare di un kudurru in calcare del re cassita Meli-Šipak II (XII sec. a.C.), raffigurante un serpente-drago con corna (Mušhuššu, lett. “Serpente terribile”) e una vanga appuntita (marru), simboli del dio Marduk (conservata al Museo del Louvre di Parigi).

Conclusione: Con tutte le suddette variazioni che stanno accadendo proprio ora in casa nostra (leggi Planet Earth), c’è forse da meravigliarsi che il cambiamento climatico globale abbia preso il mondo dalla tempesta? Per quanto riguarda la vera causa di questi cambiamenti pervasivi, profondi e permanenti, un Hercolubus nel nostro quartiere universale sembra essere una possibilità molto realistica. Francamente sarebbe meglio se il genere umano lo prenderebbe come reale, come il nostro stimatissimo astronomo cileno ha descritto. In questo modo, la comunità delle nazioni sarebbe quasi costretta a rispettare il nostro prezioso pianeta e non entrare in competizione per ogni sua risorsa. Siamo preoccupati dal fatto che se uno sforzo concertato non è fatto sul serio, ma di fretta e non in buona fede, il futuro sarà molto meno piacevole di quanto non si creda. I popoli del mondo hanno il potere intrinseco di influenzare positivamente tutte le risultati di cui al presente documento. In verità, una coscienza collettiva piena di luce, saggezza e amore può servire a mitigare anche le più gravi conseguenze di una vita sbagliata. Se mai c’è stato un momento di unire tutta l’umanità intorno a una sola causa, è proprio questo. Una volta che si supera il punto di non ritorno, quello che verrà non può essere fermato, né la gravità può essere alleviata una volta che il primo tassello del domino inizia a cadere. Noi pensiamo che sia passata da molto l’ora per invertire il corso della nostra civiltà. L’Ombra del Governo Mondiale ha dimostrato più volte che avrebbe preferito prendere la via di minor resistenza. Non fare nulla è certamente il modo migliore per non allertare il pubblico su queste eventualità. Sanno anche che il dado è stato tratto molti decenni fa e che i loro predecessori hanno scelto di tracciare una rotta che sarebbe stata sempre più difficile da cambiare, ogni giorno che passa. Quindi, cosa dobbiamo fare? Se non altro, ognuno di noi può andare a trovare la propria forza, il proprio coraggio e la propria volontà attraverso il prossimo. In verità, in questi tempi difficili, la meditazione della Coscienza Suprema ci guiderà nei momenti di maggior bisogno.

Fonti: it.m.wikipedia.org; segnidalcielo.it; segretiemisteri.com; luniversovibra.altervista.org

PulsanteLibriConsigliati

 

VISITA ANCHE IL SITO UFFICIALE DELLA NOSTRA ORGANIZZAZIONE

 
Blackstar
About

Ricercatore della Verità, appassionato di Arti Marziali, Musica ed Esoterismo.

POST YOUR COMMENTS

Privacy Policy Cookie Policy

BANNER

Contact IT

Contact

Email: redazione@ilsapere.org

Phone: 392 3377372

Translate »