Saturday, 14/12/2019 UTC+2
IL SAPERE

Microchip sottopelle: Non è una Cosa da “Complottisti”? (con video)

Microchip sottopelle: Non è una Cosa da “Complottisti”? (con video)

Post by relatedRelated post

A sentir parlare di “microchip sottopelle” si pensa subito a bufale e teorie del complotto

Quella secondo cui Obamacare era un grande piano malvagio per spiare e plagiare le persone, o quella resa famosa tre anni fa da Paolo Bernini, deputato del Movimento 5 Stelle, che disse: «Non so se lo sapete ma in America hanno già iniziato a mettere i microchip all’interno delle persone, è un controllo di tutta la popolazione». In realtà bisogna fare una distinzione: le teorie del complotto riguardano quello che si fa con quei microchip, non la loro esistenza. I microchip sottopelle esistono – e funzionano, da anni – e hanno anche delle interessanti prospettive commerciali.

Il primo a riuscire a mettersi un microchip sottopelle fu lo scienziato britannico Kevin Warwick, che nel 1998 si sottopose a un’operazione chirurgica di una ventina di minuti e ne uscì con in corpo un transponder RFID (Radio-Frequency IDentification) che gli permetteva di aprire automaticamente porte e accendere luci: gli bastava muovere la mano dentro cui c’era il microchip. Una sorta di Telepass umano. Di recente Warwick ha scritto un articolo per The Conversation in cui spiega che «negli ultimi anni è venuta fuori una nuova comunità di biohacker, che ha sperimentato i modi in cui il corpo umano può diventare più efficace grazie alla tecnologia». I biohacker sono persone che si comportano come hacker – esperti di tecnologia e informatica che collaborano tra loro e spesso lavorano ai limiti di ciò che è legale – ma lo fanno nei campi in cui si incontrano tecnologia e biologia.

 Warwick scrive che la tecnologia RFID continua a essere una delle più diffuse, ma da qualche anno sono arrivati anche i microchip che sfruttano tecnologia NFC (Near Field Communication): è quella che, per esempio, già permette di usare smartphone e carte di credito per fare pagamenti veloci senza bisogno di inserire il codice. Nel caso dei microchip sottopelle questa tecnologia sta «in un piccolo tubo grande quanto un chicco di riso». Warwick spiega che il suo microchip, quello del 1998, era un po’ più lungo di due centimetri.

La tecnologia NFC è quella scelta anche da Tim Shank, il presidente di TwinCities+, un’associazione interessata alle future prospettive tecnologiche del settore. Shank ha un microchip sottocutaneo che fa sì che la sua porta di casa si chiuda quando lui esce; anche sua moglie ne ha uno uguale. Parlandone a Fast Company ha spiegato: «Devi fare tutti quei check mentali delle cose che devi prendere quando esci di casa: le chiavi, il portafoglio, tutte quelle altre cose. Quando inizi a non doverci più pensare, la tua mente libera improvvisamente spazio, perché non deve più stare lì a preoccupasene sempre». Shank ha detto che sta anche pensando a un microchip sottopelle che misuri in ogni momento la sua temperatura corporea.

Warwick scrive che oggi i microchip sottopelle sono facili da impiantare e ci sono pochissimi problemi di rigetto da parte del corpo (si impiantano dentro capsule di vetro). Fast Company ha scritto che «secondo molti biohacker, impiantarsi un microchip sottopelle non è più pericoloso di farsi un tatuaggio o un piercing». Bisogna però capire se si tratta solo di una cosa stramba da malati di tecnologia o una cosa che può davvero migliorare le vite delle persone. Warwick scrive che nel 2015 una società svedese ha messo dei microchip a centinaia di dipendenti per permettere loro di aprire automaticamente le porte e «accendere la fotocopiatrice».

Ci sono però anche implicazioni più serie: il biohacker statunitense Tim Cannon per esempio ha un microchip con un LED che si accende se passa vicino a un magnete; Lepht Anonym ha in mente di mettersi nel ginocchio un microchip che funzioni da bussola, l’artista Moon Ribas si è fatta mettere nel gomito un sensore che vibra ogni volta che c’è un terremoto (ovunque nel mondo). C’è poi Neil Harbisson, che non vede i colori ma grazie a un microchip collegato al suo cervello e a una telecamera riesce a capire che colori sta guardando e a “vedere” i suoni. Warwick scrive però che l’esempio più avanzato dell’uso di microchip sottopelle ha a che fare con il neurohacking, che si occupa di «modificare il cervello o il sistema nervoso»: di recente questa tecnologia è stata usata per permettere a un uomo paralizzato di recuperare un parziale controllo del suo braccio. Warwick è ottimista e scrive che le prospettive sono tante e convincenti, ma che al momento si tratta sopratutto di una «grande indagine per vedere fino a quanto possono spingersi i confini di ciò che si può fare».

Fonte: http://www.ilpost.it/2016/06/30/microchip-sottopelle/

Per vedere le cose da un’altra prospettiva vi mettiamo un video interessante preso dal Web (ndr):

PulsanteLibriConsigliati

 

VISITA ANCHE IL SITO UFFICIALE DELLA NOSTRA ORGANIZZAZIONE

 
Blackstar
About

Ricercatore della Verità, appassionato di Arti Marziali, Musica ed Esoterismo.

2 Comments

  1. Avatar
    danairu 02

    A me avevano ignettato delle manomacchine in grado di influenzare le emozioni terribile in quei momenti si soffriva e basta vuoi morire o strappare la faccia di chi ti ha messo in corpo quella roba. Ho sofferto un casino davvero non si ha idea di che genere di infarti ti procurani quando il tuo corpo è monitorato e per uns cosa come camminare o una leggera sensazione diventi un infarto perché cercano come bambini ritardati di addomesticare a sto cappero ancora bestemmio loro e tutta la lorp stramaledetta stirpe di maiali perché sono dei depravati da chiudere velocemente in c a rcete e buttare la chiave quando lho smaltita o si è scarricata mi veniva di pensare al kabobo come cavia

POST YOUR COMMENTS

Privacy Policy Cookie Policy

BANNER

Contact IT

Contact

Email: redazione@ilsapere.org

Phone: 392 3377372

Translate »