Monday, 21/10/2019 UTC+2
IL SAPERE
IL SAPERE

La Regina Rossa di Palenque

La Regina Rossa di Palenque

Post by relatedRelated post

Una notevole tomba risalente al 600 o 700 d.C. è stata scoperta dall’archeologo messicano Arnoldo Gonzalez Cruz nel 1994

 

Quando i ricercatori hanno aperto la camera sepolcrale non riuscivano a credere ai loro occhi……….. Uno spettacolo !

La tomba si trova all’interno del Tempio XIII, tra le rovine dell’antica città maya di Palenque.
Gli scavi sono stati effettuati nella speranza di scoprire la sua sequenza di costruzione ed i metodi utilizzati per la sua realizzazione. I lavori iniziarono nel 1973 da un team guidato da Jorge Acosta e, subito venne trovato uno spazio che si rivelò essere quello della camera sepolcrale. La squadra ha iniziato a pulire la zona della probabile tomba e subito scoprirono una piccola porta , bloccata sulla sezione verticale del secondo livello della sotto struttura, circa 2,80 metri (9.19 piedi ) sopra il livello del Tempio Plaza. Quando gli operai hanno rimosso il blocco, hanno visto un lungo corridoio di circa sei metri (19.69 piedi) che ha portato ad una delle gallerie meglio conservate scoperte in Palenque fino ad oggi.

A pochi metri più avanti, tra gli altri magnifici corridoi e le camere, c’era un tesoro che attendeva di essere scoperto, e che avrebbe stupito ed emozionato i ricercatori, e cioè una sepoltura piena di tesori .

burial-chamber_3

Quando i ricercatori hanno aperto la tomba nel 1994 sono rimasti scioccati. Davanti a loro apparve la scoperta più incredibile che avessero mai fatto. Arnoldo González Cruz ha descritto così le sue prime impressioni , dopo aver fatto un’apertura alla camera :

” Attraverso la perforazione, potemmo guardare perfettamente in una camera della misura di  3,80 x 2,50 metri, la maggior parte della superficie era occupata da un sarcofago in pietra calcarea di forma rettangolare. A sud, potemmo farlo uscire dalla porta principale della camera . Dopo aver scoperto in tal modo l’accesso principale alla tomba attraverso la perforazione , abbiamo ipotizzato che le porte sigillate alle estremità della galleria ci avrebbero portato lì, individuando una galleria d’accesso. Così, abbiamo deciso di esplorare le porte a sud-est e a sud-ovest della galleria, dal momento che da entrambe si poteva vedere l’accesso principale alla tomba.  Dopo 15 giorni di esplorazioni, siamo stati in grado di accertare che le porte portavano in alcuni locali interni , e a scale ascendenti che in origine permettevano l’accesso ad una costruzione costruita al di sopra. Attraverso l’uso di pozzi di prova, abbiamo cercato di individuare l’accesso alla camera da fuori, ma abbiamo dovuto abbandonare questo sforzo, dopo aver scavato giù per otto metri con risultati negativi. ”

All’interno della tomba, gli archeologi hanno scoperto un sarcofago, all’interno del quale hanno trovato i resti di una nobildonna e altri oggetti ricoperti da una polvere rossa (Cinabro).
Lo scheletro è stato decorato con una notevole collezione di perle, giada, conchiglie e aghi in osso. Il cranio è stato originariamente adornato con un diadema fatto di perle di giada circolari. Il petto della donna era coperto di pezzi di ossidiana e giada. Il volto era coperto da una maschera funebre fatta di pezzi malachite. All’interno del sarcofago, gli archeologi hanno anche scoperto una conchiglia con una piccola statuetta di calcare all’interno di essa.

14516335_513816855494987_3358971252519154307_n

Oltre ai resti femminili, all’interno della camera sono stati ritrovati i resti di un individuo maschile, che si pensa sia stato un suo servo, inviato nell’aldilà con la sua regina.

Ma chi era la Regina Rossa?

I ricercatori hanno chiamato cosi la donna trovata nella tomba, la ” Regina Rossa ”.

I suoi resti sono stati trasportati al laboratorio dell’Istituto Nazionale Messicano di Archeologia e Storia.
I ricercatori hanno stabilito che ha vissuto tra il 600 e il 700 d.C. una data suggerita anche dalle ceramiche scoperte all’interno della tomba.
Le analisi hanno incluso anche test col carbonio 14 e la ricostruzione facciale.
Con questo, il team ha scoperto che la donna è morta quando aveva circa 60 anni di età ed inoltre aveva l’osteoporosi. Inoltre, la sua dieta si è rivelata essere basata principalmente sulla carne.  Aveva anche denti molto sani, cosa che non era tipica per la gente Maya in quel periodo. Anche se la sepoltura è stata una magnifica scoperta, i ricercatori non hanno potuto nascondere la loro delusione.  All’interno della camera non hanno trovato alcuna iscrizione o indicazione che potrebbe consentire loro di confermare il suo nome. Il ricercatore Arnoldo Gonzalez Cruz ritiene che lei era Tz’ak-bu Ajaw, la moglie di Pakal e la nonna dell’ultimo re Maya. Attualmente il team è alla ricerca delle tombe di Pakal e dei suoi figli.

Si spera che confrontando il DNA della donna con i figli di Pakal,  possa essere confermata definitivamente queste ipotesi.

Fonte: http://www.ancient-origins.net/…/unravelling-mysteries-tomb…

 

VISITA ANCHE IL SITO UFFICIALE DELLA NOSTRA ORGANIZZAZIONE

 
Avatar
About

Tra le pieghe della storia.........ci sono cose che sistematicamente vengono ignorate..................non presumo di sapere........ma di appassionare con delle ricerche questo....posso farlo.........

POST YOUR COMMENTS

Privacy Policy Cookie Policy

BANNER

Contact IT

Contact

Email: redazione@ilsapere.org

Phone: 392 3377372

Translate »