Monday, 10/12/2018 UTC+2
IL SAPERE
IL SAPERE

L’ Ultima Cena di Gesù Cristo

L’ Ultima Cena di Gesù Cristo

Post by relatedRelated post

Gli Agnelli

Alcune tradizioni hanno una vita propria: si diffondono, si espandono e se ne perde, molto spesso, la memoria storica ed il significato originario. Nel clima pasquale, proviamo a chiederci perché avviene una strage di tanti miti agnellini che finiscono sulle nostre tavole, un’usanza che si ripete nell’indifferenza e nell’ignoranza della stragrande maggioranza delle persone che neanche si pone domande sul significato della Pasqua (e non mi riferisco ad un discorso di fede o necessariamente religioso, ma culturale o quanto meno di costume).
Proviamo a fare una riflessione sull’ultima cena di Gesù Cristo: il giovedì (primo giorno del triduo pasquale) è appunto ricordato soprattutto per l’istituzione del memoriale eucaristico. Si trattò davvero di una cena pasquale oppure fu soltanto una cena di commiato ai discepoli, come ritiene oggi la maggior parte degli studiosi di Sacra Scrittura e perfino uno dei più grandi teologi dell’epoca contemporanea, Joseph Ratzinger, nel suo splendido libro “Gesù di Nazareth”, considerato un capolavoro di chiarezza e di lucidità da Cattolici, Evangelici e da esponenti di altre religioni. E’ da premettere, senza entrare in dettagli tecnici analizzati dagli esperti, che la questione della natura e della stessa datazione dell’ “Ultima Cena” è difficoltosa, in quanto le cronologie dei Vangeli sinottici (Marco, Matteo e Luca) ed il Vangelo di Giovanni presentano diversità nel racconto degli ultimi giorni di Gesù di Nazareth.

Secondo l’esegeta Meier, seguito da Ratzinger nel precitato testo (il papa emerito, sia chiaro, scrisse il libro come “teologo” e non come “papa”, nelle funzioni magisteriali), l’Ultima Cena non fu un pasto pasquale, bensì una cena conviviale svoltasi la sera prima della Pasqua giudaica. In tale contesto Gesù intese anticipare i significati essenziali del dono della propria vita. Sembrerebbe, al di là del memoriale del pane e del vino, che Gesù addirittura si astenesse dal cibo; un passo importante per tale interpretazione è Luca 22, 15-18: “Ho ardentemente desiderato di mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione, poiché vi dico non la mangerò più, finché essa non si compia nel Regno di Dio…”.

Un’altra interessante ipotesi, che emerge dal testo di Joseph Ratzinger, è che Gesù abbia  consumato il pasto in compagnia degli apostoli, ma presso una comunità di Esseni. Questa comunità era notoriamente vegetariana e praticava una spiritualità interiore in contrasto con il formalismo giudaico. Gli Esseni osservavano un calendario solare diverso da quello lunare adottato in ambiente ebraico e secondo tale ricostruzione l’ultima cena sarebbe avvenuta il martedì e non il giovedì, spiegando così alcune discrasie cronologiche che si notano tra il racconto dei Sinottici e quello di Giovanni. In ogni caso, che vi sia stata cena pasquale o una cena di commiato per affidare la missione ai più intimi collaboratori, nel pasto di Gesù non vi è traccia di agnello: è lui stesso l’agnello che deve essere immolato per la salvezza dell’umanità.

La tradizione di mangiare l’agnello a Pasqua è mutuata direttamente dalla religione ebraica e non ha assolutamente un valore di memoriale cristiano.

Luigi Angelino (29-03-2018)

 

PulsanteLibriConsigliati

Luigi Angelino
About

Luigi Angelino ha conseguito la maturità classica a Napoli e poi la laurea in giurisprudenza presso l'Università Federico II. A seguire, ha ottenuto l'abilitazione all'esercizio della professione forense presso la Corte di Appello di Roma ed un master di secondo livello in diritto internazionale presso l'Università di Roma tre. Non ha mai abbandonato la passione per le materie classiche, filosofiche e teologiche, partecipando a molteplici corsi e seminari parauniversitari, conseguendo una laurea in scienze religiose presso l'Istituto Superiore di scienze religiose di La Spezia. Ha pubblicato un romanzo di ampio respiro con la Cavinato editore international dal titolo "Le tenebre dell'anima" nel 2017, che è stato tradotto con il titolo "The darkness of the soul". Nel 2018 ha pubblicato un libro sui grandi misteri religiosi, filosofici e di costume dal titolo "I Miti- luci e ombre", che dopo una settimana è entrato nei primi 100 consigliati su Ibs. Scrive per alcuni blog. Attualmente vive a La Spezia, dove lavora presso un'Amministrazione pubblica.

POST YOUR COMMENTS

Privacy Policy Cookie Policy

BANNER

Contact IT

Contact

Email: redazione@ilsapere.org

Phone: 392 3377372

Translate »