Friday, 19/7/2019 UTC+2
IL SAPERE
IL SAPERE

Il Favoloso Mondo di Amélie

Il Favoloso Mondo di Amélie

Il Favoloso Mondo di Amelie

è un film Francese diretto da Jean-Pierre Jeunet , (un regista, sceneggiatore e produttore della periferia di Roonne, ex impiegato delle poste che , dopo una serie di cortometraggi indipendenti , otterrá con la pellicola sopracitata un successo planetario).
Il film , dalle prime inquadrature , trasporta lo spettatore in un universo barocco, costellato di dettagli caotici , ricoperti da colori caldi e accesi in modo surreale.
Bruno Delbomel (direttore della fotografia) , riprende una Parigi idilliaca per 121 minuti, con uno stile tra il QUADRO FIAMMINGO e L’EFFETTO DI INSTAGRAM , suggerendo un ottimismo di base , che avvolgerá in un PIUMONE DI COMMEDIA ogni dramma della giovane Amèlie. Di evidente impronta esistenzialista , la pellicola è narrata da una figura onnisciente che , di tanto in tanto , suggerisce il “dietro le quinte” dei personaggi . In questo modo pone l’esistenza di ogni individuo in un piano superiore: i dettagli apparentemente irrilevanti di protagonisti e comparse sono raccontati con dovizia di particolari , giustificando, cosí , ogni avvenimento da quel 30/8/1997 afflitto dal dramma della morte di Lady D.Il primo impatto tra il nostro universo e quello della pellicola fa emergere una serie di sentimenti e ricordi trascurati , che investono l’organismo dello spettatore con una pesante dose di serotonina , feniletilamina e ossitocina . Attaccati allo schermo e drogati da questi colori e dettagli affascinanti , ci lasciamo trasportare nel “Favoloso mondo di Amèlie”, ed inizia , cosí, una simbiosi tra la nostra identità e quella della grottesca e affascinante parigina, che durerà due ore intense .
Nella pellicola è particolarmente incisa una lettura meccanicistica della realtà , che il regista ci tiene a sottolineare quasi fosse un’ulteriore prova della bellezza della vita e della MAGIA che fluttua sotto il nostro naso ignaro.
Ne è esempio massimo ciò che la porta a CONSACRARSI AGLI ALTRI : un barattolo cadutole di mano a causa della sconvolgente notizia della morte di Lady D…
Il TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA è applicato , dunque , a psiche e natura nella pellicola ; quello che sembra essere PURO CASO , sebbene stravolga la vita dei personaggi , deve necessariamente esser stato mosso da qualche cosa. E il regista focalizza l’attenzione proprio sulla CAUSA del caso , che sia una sensazione o un altro avvenimento.
Lo spettatore ha il privilegio di comprendere ciò che porta i personaggi ad essere se stessi , ad affermare quel che dicono e , addirittura , a PROVARE QUEL CHE PROVANO. Amèlie si innamorerà di un ragazzo i cui fantasmi del passato si intrecciano a quelli della fanciulla.Jeunet scandisce , dunque , le AZIONI con sequenze narrative dinamiche , si sofferma con pause descrittive affascinanti e riesce a mettere le giuste parole in bocca ad ogni personaggio nelle parti dialogate. Inoltre produce Un interessante sentore di Complicità tra protagonista e narratore quando, nel monologo iniziale , fa intervenire Amèlie nella descrizione di se stessa.
Lei viene proposta come un’anticonformista ventitreenne sociocentrica,introversa ed ottimista , consapevole della tristezza circostante . Col suo aspetto fisico inusuale e le sue espressioni simpatiche e solari , è cinta da un’identità complessa ed ingenua , che il regista giustifica descrivendoci sin dall’inizio un passato doloroso e solitario, frastagliato da una serie di difficoltà ,ormai svanite, che hanno lasciato il segno.
Per quanto il film risulti una soave realtà a cui chiunque vorrebbe tendere , pecca di un estetismo surreale e di una fastidiosa tendenza al barocco in dialoghi , narrazione , scene e persino nella trama. Eccessivo il tentativo di attirare consensi con un’ eccentricità finta , che risulta vuota rispetto al messaggio intenso che la pellicola vuol dare. Il fascino fantastico di alcune scene e reazioni dei personaggi , in parte , viene contenuto dalla bravura degli attori e dall’assenza di anacronismi ; il tentativo del regista , peró , di proporci un elaborato esistenzialista crolla , dal momento che la realtà proposta è distante da quella plausibile , ( sebbene il meccanicismo del mondo venga proposto in maniera concreta ). L’universo del film è pieno di una serie di ghirigori fasulli e di veli sul buio che impoveriscono il realismo dell ‘opera mutandone il senso; cosí Jean-Pierre non riesce del tutto a convincerci della bellezza della vita , ma descrive al meglio il FAVOLOSO MONDO DI AMÈLIE: una realtà utopica a cui è giusto tendere.

( Francesco Salvati, 28\7\2016 )

 

VISITA ANCHE IL SITO UFFICIALE DELLA NOSTRA ORGANIZZAZIONE

 
Blackstar
About

Ricercatore della Verità, appassionato di Arti Marziali, Musica ed Esoterismo.

POST YOUR COMMENTS

Privacy Policy Cookie Policy

BANNER

Contact IT

Contact

Email: redazione@ilsapere.org

Phone: 392 3377372

Translate »