Saturday, 14/12/2019 UTC+2
IL SAPERE

Crisi Economica e Neuroscienze: Come la Povertà Cambia il Cervello

Crisi Economica e Neuroscienze: Come la Povertà Cambia il Cervello

Post by relatedRelated post

Quali sono gli effetti sul nostro cervello del vivere in particolari condizioni di povertà socio-economica?

Ci dà risposta una recente ricerca condotta dall’università di Harvard

Sembra proprio che lo stress prolungato scaturito da problemi economici interferisca col nostro “circuito decisionale”.

Una recente ricerca americana, commissionata da Economic Mobility Pathways (EMPath), una no profit di Boston che dal 2006 lavora nella promozione di strumenti sociali contro la povertà, mette in luce un collegamento diretto tra meccanismi neuronali che coinvolgono sistema limbico e corteccia prefrontale e alcune contingenze pratiche della vita, come le condizioni socio-economiche in cui ci si trova.

cortecciaprefrontale

0665-1

Di cosa sono responsabili il sistema limbico e la corteccia prefrontale?

A grandi linee, si può dire che la corteccia prefrontale (parte più “recente” del cervello) medi e sia responsabile delle capacità di problem-solvinggoal-setting, e task execution; presiede quindi alla pianificazione dei comportamenti, alla capacità di prendere decisioni ed eseguirle e, secondo molti studiosi, anche all’espressione della personalità.

Essa lavora in concerto col sistema limbico (parte più “antica” del cervello), che si trova nella parte centrale dell’encefalo, precisamente nel tronco encefalico. Il sistema limbico si occupa del processamento dei segnali emotivi e dell’elaborazione delle risposte emotive, in parte per via del suo collegamento con la memoria a lungo termine.

Un ampio corpus di ricerche, dopo aver analizzato il cervello tanto di adulti quanto di bambini che vivono in condizioni di povertà, ha evidenziato che:

QUANDO UNA PERSONA VIVE A LUNGO IN CONDIZIONI DI POVERTÀDAL SISTEMA LIMBICO PARTONO COSTANTEMENTE MESSAGGI DI PAURA E STRESS CHE POI VENGONO INVIATI ALLA CORTECCIA PREFRONTALE. QUEST’ULTIMA INFLUENZEREBBE LA CAPACITÀ DI UN INDIVIDUO DI RISOLVERE PROBLEMI, RAGGIUNGERE OBIETTIVI, E FRONTEGGIARE LE SITUAZIONI DI VITA QUOTIDIANA E VARIE RICHIESTE AMBIENTALI NEI MODI PIÙ EFFICACI POSSIBILI.

E’ vero che questo può succedere a chiunque ad un certo punto della propria vita, indipendentemente dalla classe sociale. E’ vero però anche che le persone in condizione di povertà, rischiano di essere “abituate” a dover fronteggiare uno stress continuo e duraturo nel tempo. Questo può generare condizioni di strain (stress negativo) che più facilmente possono portare a modi di agire e re-agire alle richieste ambientali disadattivi e disfunzionali. Lo stress, inoltre, sarebbe spesso acutizzato dal dover combattere contro i pregiudizi della società nei confronti di chi è più povero.

child_poverty_spain

La scienza è chiara su questo: l’energia cerebrale utilizzata per far fronte alle paure e agli stressors di tutti i giorni,riferiti al soddisfacimento dei bisogni primari (sbarcare il lunario, vestirsi, potersi permettere un’istruzione ecc…), viene completamente “assorbita” da queste impellenze e diventa inefficiente e non utilizzabile per cambiamenti di prospettiva, di valutazione delle situazioni e di se stessi in relazione ad esse. Ne risentono inoltre l’immagine di Sè, l’autostima e l’autoefficacia, oltre che le abilità di problem solving e di insight.

Elisabeth Babcock (presidente dell’ EMPath) sostiene che, in questo modo, le persone in povertà tenderebbero a divenire vittime, col tempo, di un vero e proprio “CIRCOLO VIZIOSO” che si auto-rinforzerebbe (come un serpente che si morde la coda) basandosi sull’ idea per la quale le persone povere non possono cambiare e migliorare le proprie condizioni di vita.

Lo studio più recente in merito, afferma che questo meccanismo passa dall’essere un evento occasionale che inibisce temporaneamentealcune facoltà intellettive al diventare una routine che trasforma il cervello dei soggetti interessati.

È possibile interrompere questa spirale negativa che si auto-alimenta?

La risposta è: sì! E’ stata spiegata da Atlantic Al Race, condirettore del Centro di sviluppo del bambino dell’Università di Harvard:

«È vero che gli stress e i rischi costanti cui la povertà espone cambiano il cervello delle persone. Ma è vero anche che le sezioni cerebrali interessate dal fenomeno preso in esame si caratterizzano per essere particolarmente “plastiche”, cioè possono essere rafforzate e ri-sviluppate in modo positivo anche nell’età adulta».

Facendo leva sulla plasticità neurale, la funzione di “rigenerazione” e “riorganizzazione” dei circuiti neurali del cervello, presente anche in età adulta, gli studiosi hanno rilevato che questi modi appresi e disadattivi di immagine di sé, problem solving e task execution che col tempo hanno trasformato il cervello, possano essere ri-costruiti e “corretti” tramite tecniche di psicoterapia rivolte a singoli adulti, minori e ad interi nuclei familiari.

fotolia_78707112_una-spugna-per-coltivare-neuroni-levoluzione-dei-neuroni-in-vitro-dal-2d-al-3d-3-680x365

Ha detto Elisabeth Babcock:

«Il segreto per rompere il meccanismo è aiutare queste persone a portare a termine anche un solo obiettivo che non credevano di poter raggiungere».

Gli stessi autori della ricerca infatti spiegano che questa spirale può essere rappresentata metaforicamente come:

«Un ponte in cui basta far venire giù un pilastro per fare cadere l’intera struttura».

Si potrebbe concludere che le capacità che abbiamo di ri-generazione e cambiamento sono infinite, e queste sono date dalla complessità che ci caratterizza.

La stessa complessità che ci porta a cadere in spirali negative, è la stessa che ci porta a rialzarci e guardare con “nuovi occhi” noi stessi e il mondo.

70de0bf2394b430995fa988ca5cbd5b9

Carlotta Cadoni (03-07-2017)

Fonte: https://carlottacadoniblog.wordpress.com/

 

PulsanteLibriConsigliati

 

VISITA ANCHE IL SITO UFFICIALE DELLA NOSTRA ORGANIZZAZIONE

 
Carlotta Cadoni
About

Nata in Sardegna nella piccola città di Iglesias di un nevoso dicembre del 1990, ho sempre amato la mia terra, che ritengo essere un vero e proprio "paradiso" che non somiglia a nessun altro luogo. Laureata e specializzata in psicologia ad indirizzo dinamico e dello sviluppo all'Università degli studi Di Cagliari, ho avuto una passione sfrenata per la psyché umana e le sue manifestazioni sin da piccola. La curiosità e l'amore per l'ascolto e l'osservazione mi hanno portata ad interessarmi di svariati temi: attualità, storia, filosofia, arte, medicina, letteratura, scienze, simbologia, esoterismo. Non amo particolarmente i settorialismi e le "etichette". Penso che il rispetto, l'apertura e lo scambio reciproco siano gli ingredienti fondamentali per la creazione di un reale arricchimento personale a tutti i livelli.

POST YOUR COMMENTS

Privacy Policy Cookie Policy

BANNER

Contact IT

Contact

Email: redazione@ilsapere.org

Phone: 392 3377372

Translate »