Wednesday, 17/10/2018 UTC+2
IL SAPERE
IL SAPERE

Cos’è la Meditazione ?

Cos’è la Meditazione ?

Post by relatedRelated post

Ci sono tante idee diverse, o persino contraddittorie, su cosa sia la meditazione.

Un elemento primario dell’approccio di Osho alla meditazione è la necessità che il meditatore comprenda la natura della mente, invece di entrare in conflitto con essa.
La maggior parte di noi è, per la maggior parte del tempo, dominata dai suoi pensieri ed emozioni. Ne consegue che tendiamo a pensare di essere quei pensieri e quelle emozioni. La meditazione è uno stato di puro essere, di puro sentire, privo di qualsiasi interferenza da parte del corpo o della mente. È uno stato naturale, ma anche uno di cui abbiamo dimenticato la via d’accesso.
La parola meditazione è anche usata per ciò che può essere definito, in modo più accurato, un metodo di meditazione. I metodi e le tecniche di meditazione sono mezzi per creare un ambiente interiore che faciliti il disconnettersi dal corpo/mente e permetta semplicemente di essere. Mentre all’inizio è meglio dedicare un periodo di tempo determinato a un metodo strutturato di meditazione, esistono molte tecniche che vengono praticate nel contesto della vita di tutti i giorni – sul lavoro, nel tempo libero, da soli o con altri.
I metodi servono solo finché lo stato di meditazione – di consapevolezza rilassata e di centratura – non è diventato un’esperienza che non è solo una cosa passeggera ma qualcosa che è parte integrante di noi, come ad esempio il respirare.

Alcuni frequenti malintesi

La meditazione è…

1) Solo per persone che sono impegnate in una ricerca spirituale.

I benefici della meditazione sono molteplici. Il principale tra questi è la capacità di rilassarsi e di essere consapevoli senza sforzo. Certo sono strumenti utili per tutti!

2) Una pratica per ottenere “la pace della mente”.

Pace della mente è una contraddizione in termini. Per sua natura la mente è un commentatore cronico. Ciò che scopri attraverso la meditazione è l’abilità di trovare una distanza tra te e questo commento continuo, in modo che la mente, con il suo circo di pensieri e di emozioni non si intrometta più nel tuo stato intrinseco di silenzio.

3) Una disciplina mentale o un sforzo di controllare o “domare” la mente, di avere una mente più attenta.
La meditazione non è né uno sforzo mentale né un tentativo di controllare la mente. Sforzo e controllo vogliono dire tensione, e la tensione è antitetica allo stato di meditazione. Inoltre, non occorre controllare la mente, basta solo comprenderla e comprendere il suo funzionamento. Il meditatore non deve domare la mente o renderla più attenta e capace, deve solo crescere in consapevolezza.

4) Concentrazione o contemplazione?

La concentrazione è un restringersi della consapevolezza. Ti concentri su di un oggetto ad esclusione di tutto il resto. Al contrario la meditazione comprende tutto, e la consapevolezza si espande. Il contemplatore è focalizzato su un oggetto, magari religioso, un’immagine o un aforisma che gli dà ispirazione. Il meditatore è consapevole, ma non di qualcosa in particolare.

5) Una nuova esperienza?

Non necessariamente! Molti sportivi conoscono questo spazio che chiamano “la zona”. Anche gli artisti lo conoscono… lo incontrano a volte quando cantano, dipingono o suonano. Noi possiamo conoscerlo per esempio quando facciamo giardinaggio, giochiamo con i bambini, camminiamo sulla spiaggia o facciamo l’amore. Anche da bambini possiamo averne fatta l’esperienza. La meditazione è uno stato naturale dell’essere, uno che hai sicuramente raggiunto in qualche momento, magari senza sapere che nome attribuirgli.

Fonte: etanali.it

PulsanteLibriConsigliati

admin
About

Con mente Chiara e Luminosa affronta audace il tuo Destino, senza indugio percorri la Via che conduce alla Conoscenza. Con Cuore Puro e Volontà di ferro, niente e nessuno ti può fermare. Per te ogni cosa diventa possibile.

POST YOUR COMMENTS

Privacy Policy Cookie Policy

BANNER

Contact IT

Contact

Email: redazione@ilsapere.org

Phone: 392 3377372

Translate »