Friday, 17/8/2018 UTC+2
IL SAPERE
IL SAPERE

Che cos’è il Reiki?

Che cos’è il Reiki?

CHE COS’E’ IL REIKI?

Il nome Reiki in lingua giapponese indica l’energia vitale che tutto pervade e che è ovunque, anche in noi.

REI è l’aspetto universale illimitato, KI è l’aspetto che scorre in tutto ciò che vive, che oggi potremmo anche scientificamente definire come Energia, radiazioni, campi magnetici, ecc….

Quindi REI=Universo, KI=Energia; REIKI=Energia Universale.

La scienza oggi ci insegna che tutto l’Universo è energia in perfetto equilibrio in continuo movimento, regolamentato da Leggi Cosmiche Naturali ben precise.

Il Reiki ci permette di connettere consapevolmente la nostra personale energia con quella in perfetto equilibrio dell’Universo entrando in comunicazione attiva con essa, per riceverla, incanalarla e trasmetterla, traendone innumerevoli benefici su tutti i piani.

Questa potentissima disciplina energetica molto semplice, riprende in modo moderno gli antichi metodi di guarigione del lontano oriente, ed oggi è alla portata di tutti.

Riscoperto nel 1800 da un monaco cristiano giapponese, (Usui, il cui metodo insegnato in questo seminario prende il nome dall’omonimo), oggi il Reiki si diffonde continuamente nei paesi industrializzati d’occidente, data la sua reale validità e semplicità traendo sempre più larghi consensi dalla grande massa; perciò, sulla base di questo sono nati altri metodi similari quali Karuna, Tibetano, Universale.

I seminari di Reiki  si suddividono in tre gradi: il primo ci dà l’opportunità di interagire energeticamente sul piano fisico; il secondo ci permette di lavorare sul piano psichico e a distanza nonché di potenziare l’energia incanalata in modo più diretto per mezzo dei simboli; il terzo ci permette di insegnare ad altri tutto il sistema Reiki.

LE ORIGINI DI REIKI

La Storia di Reiki appare oggi indissolubilmente legata alla figura di Mikao Usui, il Fondatore del Sistema Usui di Crescita Spirituale, che ne introdusse la pratica in Giappone a partire dal 1920.

Se le coordinate geografiche e temporali sembrano precise e avvalorate da documenti e testimonianze, appare tuttavia difficile, ad una più minuziosa indagine, stabilire con esattezza le modalità con cui Reiki iniziò la sua esistenza.

Soprattutto è difficile stabilire se Reiki sia in effetti una disciplina originale, del tutto nuova ed indipendente da qualunque precedente esperienza, oppure se sia possibile tracciare una linea di discendenza e di sviluppo da tradizioni e pratiche già esistenti.

Innanzitutto è importante delineare quella che è la dimensione spirituale del Giappone all’epoca di Usui, ossia verso la seconda metà del XIX Secolo.

Lo Shintoismo, noto in Giappone come “Kami No Michi” ossia “La Via degli Esseri di Luce” si era perfettamente integrato con il Buddhismo fin dall’VIII secolo dopo Cristo grazie alla natura tipicamente sincretica della spiritualità Giapponese. Le divinità del Panteon Scintoista si fondevano con le divinità Buddiste, i Buddha e i Bodhisattva venivano venerati accanto ai Kami, ossia gli Esseri di Luce.

Sacerdoti itineranti, chiamati Yamabushi, ossia “Monaci delle Montagne”, amministravano il culto con rituali e pratiche che risultano una mescolanza di Shintoismo e Buddhismo. Nasce lo Shugendo, ossia letteralmente “La via della crescita psichica e spirituale”.

Lo Shugendo includeva pratiche strettamente ascetiche come il digiuno, la meditazione, l’uso di mantra e di mudra per raggiungere dimensioni estatiche.

Gli Yamabushi ricercavano il “Kantoku”, lo “Stato di Illuminazione”, e per fare ciò si avvalevano di vari rituali di iniziazione, di pratiche sciamaniche, di danze e canti estatici.

Erano soliti meditare sulla cima delle montagne sacre o presso le cascate e in quei luoghi erano soliti costruire templi per il culto.

Lo Shugendo si divideva in due rami principali: lo Onzan-ha, legato al Buddismo Tendai e il Tozan-ha, facente capo alla Scuola Shingon del Buddismo Esoterico dell’Ordine Mikkyo.

L’Ordine Mikkyo è una disciplina esoterica il cui nome significa “Insegnamento Segreto” in quanto si basa su una tradizione strettamente orale delle informazioni e su un processo di attivazione energetica, ossia una iniziazione da parte di un Maestro della disciplina.

Gli insegnamenti del Buddismo Mikkyo derivano dalla tradizione esoterica dell’India e della Cina e furono portati in Giappone a partire dal VI secolo d.C. Furono poi i monaci Kukai (Fondatore dello Shingon) e Saicho (Fondatore del Buddismo Tendai) a ordinarne i concetti centrali.

Possiamo quindi definire la dimensione spirituale giapponese come un insieme ben amalgamato di elementi derivati dalla religione autoctona dello Scintoismo insieme ad insegnamenti popolari tradizionali pre-Buddisti uniti alle pratiche spirituali Sciamaniche e di adorazione delle Montagne Sacre. A ciò si aggiunge nel tempo la pratica del Buddismo Tantrico Cinese, della Magia Cinese dello Yin e dello Yang, del Taoismo e infine del Buddismo Tibetano.

Ancora oggi per indicare questo alto livello di eclettismo nella partecipazione religiosa si dice che un Giapponese nasce Shintoista, si sposa Cristiano e muore Buddista.

Da una statistica del 1995 emerge effettivamente che il 90% dei giapponesi osservano l’usanza di visitare la tomba di famiglia una volta all’anno e che il 75% possiede un altare Shintoista o Buddista nella propria casa.

E’ nota e comprovata inoltre la secolare esistenza in Giappone di numerose forme di guarigione attraverso l’imposizione delle mani. Nella Medicina Tradizionale Giapponese (derivata dalla Medicina Tradizionale Cinese) sono ben note numerose posizioni di “Teate” (guarigione con il palmo delle mani) per canalizzare il Ki o Chi (energia vitale).

Nelle arti marziali il Teate viene praticato in varie scuole e Mikao Usui stesso sembra essersi lungamente dedicato alla disciplina del Jujutsu/Kenjutsu. Inoltre fin dall’inizio dell’800 in Giappone vi fu una grande diffusione di un movimento noto come “Reijutsu”, di derivazione Shintoista, avente come scopo il miglioramento della salute fisica e mentale.

Anche il Qi-Gong prevede tecniche manuali di trasmissione dell’energia e molte altre tecniche, fra cui rituali, esorcismi e preghiere venivano praticate da innumerevoli guaritori soprattutto nelle campagne o negli strati più poveri della popolazione.

Esistevano inoltre ai tempi di Usui numerose sette religiose che si riunivano intorno ad un leader carismatico solitamente dotato di poteri di guarigione.

E’ verosimile a questo punto ritenere che ciò che Usui fondò fosse un sistema Filosofico-Spirituale, una pratica per la Guarigione del Corpo e della Mente basato su elementi tradizionali e nel contempo su una personale esperienza di vita, di studio e di pratica ascetica.

Da alcune fonti risulta che Usui sia stato Buddista Tendai, altri ritengono che egli abbia fatto parte della Scuola Shingon dell’Ordine Mikkyo. Ma queste sono solo ipotesi.

Certamente uno studioso, un ricercatore spirituale e praticante di arti marziali non poteva non conoscere a fondo le tradizioni religiose del proprio paese, del proprio popolo e della propria epoca.

In conclusione, sembra lecito desumere che Mikao Usui attraverso anni di studio e di esperienza abbia colto la profonda essenza spirituale del suo tempo e con un supremo atto Mistico/Sincretico ne abbia tratto il suo Metodo di Guarigione Spirituale che oggi conosciamo con il nome di Reiki.

LA VITA DI USUI

Secondo la tradizione orale conosciuta in occidente Mikao Usui era un monaco cristiano nato in Giappone nella seconda metà del XIX secolo, che dopo anni di faticose ricerche e in seguito ad una intensa esperienza mistica, scoprì il Segreto della Guarigione chiamandolo REIKI.

Se fino a qualche anno fa esistevano solo vaghe informazioni sulla vita di Usui, al punto da far dubitare ad alcuni perfino la sua effettiva esistenza, recentemente sono emerse importanti prove documentali e testimonianze del suo passaggio terreno.

Le iscrizioni sul suo monumento funerario, il presunto ritrovamento di un personale Manuale di Appunti, il graduale superamento di comprensibili reticenze nei confronti degli occidentali da parte dei depositari orientali (più che centenari) dei suoi insegnamenti, hanno delineato una figura più nitida della vita e delle opere di Usui Sensei.

Ringraziamo il nostro Socio e amico fraterno Giuseppe Gaviraghi per la testimonianza e la documentazione da lui fornita dopo essersi recato in visita alla Tomba di Usui.

Noi oggi sappiamo che Mikao Usui nacque il 15 Agosto 1865 nella provincia di Kyoto, in Giappone, nel villaggio di Tania-mura, oggi chiamato Miyamacho, nel distretto Yamagata, che oggi è la Prefettura di Gifu. Nel 1869 iniziò i suoi studi presso la scuola di un Monastero di Buddismo Tendai. La famiglia di Usui era seguace del Buddismo Tendai e proveniva da una discendenza di Samurai (Hatamoto).

All’età di 12 anni cominciò a dedicarsi alle arti marziali raggiungendo alti livelli. Era uno studente assai dotato e diligente. Viaggiò molto per studio e per lavoro, ma non ebbe fortuna in affari e cadde in disgrazia. Ma seppe riprendersi e continuò il suo lavoro di crescita. A 30 anni Usui Sensei sposò Sadako Suzuki da cui ebbe due figli, un maschio, Fuji (nato nel 1908) e un femmina, Toshiko, (nata nel 1913).

Nel Marzo del 1922, come risultato finale di un percorso spirituale culminato con un digiuno e una meditazione di 21 giorni, Usui entrò in contatto con Reiki e comprese come utilizzarlo quale strumento di crescita personale, evoluzione spirituale e autoguarigione.

Nell’Aprile del 1922 anni aprì il suo primo Centro di Pratica e Insegnamento ad Harajuku, Aoyama, Tokyo. Il “motto” del suo centro era: “In Unione con il proprio Sé attraverso armonia ed equilibrio”. La sua fama crebbe rapidamente e molte persone lo raggiunsero per studiare con lui.

Nel 1923 Tokio fu distrutta da un terribile terremoto. Migliaia di persone morirono, altre furono ferite, altre si ammalarono. Usui si adoperò per portare sollievo alle vittime con i suoi poteri di guarigione

Nel 1925, in seguito alla grande affluenza, Usui si spostò in un altro Centro, più grande, a Nakano, nella periferia di Tokyo.

Usui era una persona affettuosa, calorosa e umile nell’atteggiamento. Era forte di salute e fisicamente ben proporzionato. Non si dava mai arie e aveva sempre un sorriso per tutti. Si dimostrava assai coraggioso nell’affrontare i momenti difficili. Amava leggere e scrivere, possedeva conoscenze in materia di medicina, psicologia, teologia, praticava l’arte della divinazione e conosceva le religioni del mondo. Nel corso della sua vita trasmise i suoi insegnamenti ad oltre duemila persone e iniziò 17 Maestri.

Morì il 9 Marzo del 1926 all’età di 62 anni. Dopo la sua morte alcuni dei suoi studenti crearono la Usui Reiki Ryoho Gakkai (Associazione per l’apprendimento del Metodo di Guarigione Usui Reiki) e lo dichiararono post-morte Presidente. Nel Febbraio 1927 venne eretta una Stele commemorativa nel cimitero del tempio Saihoji in Tokyo, da cui abbiamo la maggiore quantità di informazioni sulla vita di Usui. Il mese successivo venne costruita dal figlio Fuji Usui una tomba di famiglia, contenente le spoglie di Usui Sensei.

Un anno dopo la sua morte, avvenuta nel 1926, venne fondata la Reiki Ryoho Gakkai, l’organizzazione che si è occupata di mantenere e trasmettere gli insegnamenti originali di Usui. Da allora ci sono stati 6 presidenti: il Signor Ushida, il Signor Taketomi, il Signor Watanabe, il Signor Wanami, la Signora Kimiko Koyama e l’attuale Presidente Signor Kondo.

Per quanto riguarda la diffusione di Reiki in occidente, occorre risalire all’incontro di Usui con Chujiro Hayashi, Ufficiale di Marina in congedo, che avvenne, sempre secondo la tradizione, in uno dei mercati in cui Usui vagava con una lanterna in mano alla ricerca di uomini interessati alla verità. Hayashi fu immediatamente affascinato dalla saggezza e profonda convinzione di Usui e decise di seguirlo e diventare a sua volta Maestro. Morì il 10 Maggio 1940.

Hawayo Takata conobbe Hayashi alle Hawaii nel Novembre del 1936 e qualche anno più tardi divenne Maestra. Fu proprio lei a portare Reiki nel mondo Occidentale quando si trasferì in California. Era nata il 24 Dicembre 1900 e morì nel 1980, lasciando 22 Maestri di Reiki, molti dei quali americani: George Araki, Dorothy Baba (deceduta), Ursula Baylow (deceduta), Rick Bockner, Patricia Bowling, Barbara Brown, Fran Brown, Phyllis Furumoto (nipote di Takata Sensei), Beth Gray, John Gray, Iris Ishikuro (deceduta), Harry Kuboi, Ethel Lombardi, Barbara McCullough, Mary McFayden, Paul Mitchell, Bethel Phaigh (deceduta), Shinobu Saito, Virginia Samdahl (deceduta), Wanja Twan, Barbara Weber Ray, Kay Yamashita(sorella di Takata Sensei).

Da questi Maestri ebbe origine il Reiki Occidentale, in meno di 20 anni Reiki si è diffuso in tutto il mondo ed è attualmente praticato da decine di milioni di persone. Migliaia di Maestri operano quotidianamente in ogni paese spargendo nuovi semi. Ci auguriamo che un giorno tutti possano conoscere i benefici di Reiki.

*Ciò che si conosce della Tradizione Occidentale del Reiki sembra essere fondamentalmente il frutto e l’evoluzione degli insegnamenti di Hawayo Takata ai suoi studenti americani. Fra questi Phyillis Furumoto e Paul Mitchell sono stati nominati rispettivamente Grand Master e Head of the Discipline dalla Reiki Alliance, l’organizzazione americana per la diffusione e la tutela del Metodo Usui.

Fran Brown ha pubblicato diversi libri contenenti gli insegnamenti originali di Takata.
Barbara Ray ha fondato l’AIRA, American International Reiki Association. Nel 1983 ha pubblicato il primo libro su Reiki (almeno in occidente) dal titolo “The Reiki Factor”. Da allora ha creato i seguenti trademark: “The Radiance Tecnique (TRT)”, “The Official Real Reiki”, “Authentic Reiki”, “The Official Reiki Program”, “Radiant Touch”, “Real Reiki”. Afferma di essere l’unica Maestra iniziata da Takata Sensei ad essere stata iniziata”…a tutti e sette i livelli del Sistema Usui di Crescita Spirituale”.

Le recenti scoperte sul Reiki Giapponese vanno attribuite a Frank Arjava Petter, che ha scritto numerosi testi sull’argomento (Reiki Fire, The Legacy of Usui) a Hiroshi Doi che ha pubblicato il libro “Iyashi no Gendai Reikiho” (Modern Reiki Method for Healing) e a Andrew Bowling e Chris Marsh che stanno diffondendo anche in occidente l’Usui Teate. Esistono altre forme di insegnamento che si rifanno alla linea giapponese, come l’Usui Do e il Japanese Traditional Reiki.

Ma esistono numerose altre forme che si sono sviluppate e stanno nascendo in ogni istante ed è forse impossibile menzionarle tutte.

Voglio solo ricordare che Reiki è Reiki, qualunque nome gli venga attribuito, fu scoperto da Usui e tramandato attraverso i suoi studenti in tutto il mondo.

Ciò che rende Reiki potente ed efficace è la cerimonia di attivazione, è l’uso corretto dei procedimenti e dei simboli che vengono tramandati dal Maestro/Insegnante di Reiki.

Poco conta il nome, l’importanza è che colui che insegna Reiki sia persona onesta e saggia, una persona di cuore che comprenda la grandezza e l’importanza di Reiki e aiuti lo studente a crescere e a praticare in modo corretto uno dei più importanti doni che l’umanità abbia ricevuto per la sua crescita spirituale.

L’Insegnamento

Nessun uomo può rivelarvi altro se non quello che giace semiaddormentato Nell’albeggiare della vostra conoscenza
Il maestro che cammina all’ombra del tempio tra i suoi studenti Non offre il suo sapere, ma piuttosto la sua fede e il suo amore
Se egli è davvero saggio non vi invita ad entrare nella dimora della sua saggezza Ma piuttosto vi guida fino alla soglia della vostra mente
Poichè la visione di un uomo non presta le proprie ali ad un altro uomo
E come ognuno di voi è solo davanti all’occhio di Dio Così ognuno di voi deve essere solo nella sua conoscenza di Dio
E nella comprensione delle cose terrene

REIKI, COME E PERCHE’

Il Reiki, che come già detto in precedenza è energia Universale in perfetto equilibrio, ci può aiutare a risolvere qualsiasi problema dovuto da squilibri che, per cause a noi più o meno sconosciute, rendono disarmonica la nostra vita compromettendone la salute fisica, mentale, emozionale e spirituale.

Partendo dal concetto scientifico che ogni cosa è energia, dal canto nostro anche il corpo fisico, le emozioni, i pensieri fanno parte di essa; quindi tutto ciò che ci riguarda può essere riequilibrato dal Reiki.

Lo scopo principale che il Reiki si prefigge, è quello di  aiutare noi stessi e gli altri ogni qual volta desideriamo farvi ricorso, mantenendoci sempre più in armonia con noi stessi e con l’Universo intero rendendo la nostra vita interiore sempre più soddisfacente oltre ad altri innumerevoli e soggettivi vantaggi che ognuno può trarne.

Ogni persona vive questa fantastica esperienza a modo proprio, e per ciò va provata in prima persona per poterla comprendere a pieno.

 CHE COS’E’ UN’ARMONIZZAZIONE

Il neofita, per poter incanalare l’energia Reiki, deve ricevere le armonizzazioni o purificazioni dei canali energetici (Chakras) che il master effettua durante i seminari, permettendo da quel momento che ne divenga un tramite per tutta la vita, per se stesso e per gli altri.

L’armonizzazione è un processo breve, delicato ed intimo, che il master effettua apponendo le sue mani sul capo del ricevente, avvalendosi dei simboli relativi.

 (premetto che il Reiki non è religione, un dogma o un’oscura pratica esoterica in odore di setta);

 IL REIKI E’ SOLO REIKI

Quando un individuo è reso potente e purificato energeticamente dalla trasmissione delle armonizzazioni Reiki, da quel momento potrà attingere maggiormente all’energia Universale.

Inizialmente per circa 15 giorni dopo le armonizzazioni, il ricevente (ma ciò non è di regola) potrà andare incontro a delle brevi e a volte bizzarre innocue crisi di risoluzione, come ridere senza senso, pianti liberatori, amore incondizionato per tutto, sensazione di volare mentalmente, visioni paradisiache, indifferenza, vuoto mentale, diarrea, e in rari casi vomito, ecc…..

Ogni persona ha il proprio modo inconscio di aprirsi al Reiki e di liberarsi dalle vecchie ferite che ha accumulato fino a quel momento, ma ciò non dovrà intimorirci, anzi…..

Nel corso dei due giorni del seminario di primo grado, verranno effettuate 2 armonizzazioni al giorno per partecipante, che in tutto sono quattro.

Al termine del seminario di primo grado, è necessario effettuare un bagno caldo sciogliendo 1 Kg.

di sale grosso da cucina per pulire l’Aura da impurità energetiche dovute alle armonizzazioni.

TECNICHE DI MEDITAZIONE ZEN

Sedetevi in un luogo tranquillo ben eretti sulla punta di una sedia o per terra nella posizione del loto o a gambe incrociate a stomaco vuoto senza appoggiare la schiena facendo attenzione a non pendere né a destra né a sinistra né avanti né indietro.

Spingete la lingua in avanti contro il palato, la bocca è chiusa i denti si toccano e gli occhi sono semi aperti; non perdete lo sguardo nel vuoto; non  fissate alcun oggetto.

Le mani appoggiatele a palmi in su sulle cosce cercando di aprire e rilassare il più possibile le spalle e il bacino tendendo leggermente la nuca col mento un po’ rientrato, spingendo la sommità del capo verso l’alto.

Cercate di rimanere perfettamente immobili e tranquilli arrestando i più sottili movimenti del corpo e della mente.

Una volta fissata la vostra postura perfetta senza eccessiva tensione o rilassatezza, rimanete continuamente concentrati sulla verticalità della vostra posizione.

Lasciamo continuamente il respiro e i pensieri così come sono senza intervenire per modificarli, senza scacciarli o attaccarci continuando a volgere l’attenzione alla postura eretta.

Se qualunque cosa dovesse disturbare la vostra meditazione e vi accorgete dei pensieri, le emozioni, la malavoglia, i rumori, i dolori, il torpore, il sonno o qualsiasi sentimento o sensazione buona o cattiva, tornate continuamente a volgere l’attenzione sulla vostra postura.

Questo è l’esercizio della meditazione Zen, ovvero

ATTENZIONE COSTANTE DELLA PROPRIA POSTURA;

la durata di questo esercizio può durare da mezz’ora ad un’ora al giorno.

COME AGISCE IL REIKI

Il Reiki porta benessere ed equilibrio a tutto ciò che noi incanaliamo accelerando

considerevolmente tutti i processi evolutivi siano essi psichici, spirituali, emozionali e materiali; quando e ovunque viene incanalato dall’esperto, dopo alcuni semplici accorgimenti preliminari, il Reiki si attiva subito spontaneamente e più o meno sia a livello quantitativo che qualitativo a seconda di ciò o chi che necessita in quel momento riequilibrare.

Essendo l’energia Reiki intelligente, che agisce indisturbata sia dalla nostra coscienza che la incanala e sia da quella (in questo caso) della persona trattata mediante i training o le armonizzazioni, si adegua apparentemente allo stato energetico attuale di tutto ciò a cui essa viene incanalata, lavorando così il più  naturalmente e profondamente possibile rimuovendo le cause prime di ogni squilibrio o blocco energetico che si era venuto a creare, rendendo questo metodo di crescita interiore semplicissimo e nello stesso tempo più che mai efficacissimo e mirato.

L’energia Cosmica Universale del Reiki presente in ogni cosa, porta equilibrio ovunque viene incanalata adeguando ad essa tutto ciò che è in contrasto con la vera realtà Universale, risolvendo ed eliminando ogni impedimento e blocco.

I CANALI ENERGETICI DELL’UOMO (CHAKRA)

I Chakras sono vortici (o centri psicofisici) energetici che compongono la nostra aura o campo energetico.

All’interno del nostro campo energetico ve ne sono più di mille, ma quelli principali che noi andremo a trattare col Reiki sono sette.

Essi sono posti in fila lungo la nostra colonna vertebrale a partire dalla sommità del capo fino al coccige e sono in corrispondenza di organi vitali principali.

I Chakras possiedono sia il polo positivo (dorsale) che negativo (posteriore) tranne che per il primo e per il settimo.

Ciascuno possiede caratteristiche energetiche fisiche, emozionali, mentali e spirituali diverse e collegate tra loro.

Di seguito mi limiterò ad elencarne i loro nomi e la loro collocazione (chi volesse approfondire la materia troverà nell’ultima pagina della presente dispensa la bibliografia relativa all’argomento).

1° Chakra della radice (Muladhara) in corrispondenza del coccige

2° Chakra della procreazione (Svadhisthana) in corrispondenza degli organi sessuali

3° Chakra del plesso solare (Manipura) in corrispondenza dello stomaco

4° Chakra del cuore (Anahata) in corrispondenza tra i due capezzoli

5° Chakra della gola (Vishuddha) in corrispondenza della base del collo

6° Chakra del terzo occhio (Ajna) in corrispondenza della fronte tra le due sopraciglia

7° Chakra della corona (Sahasrara) in corrispondenza della sommità del capo

IL TRAINING E CONSIDERAZIONI VARIE

Lo scopo del seminario di Reiki di primo grado è quello di ricevere uno strumento potentissimo di training energetico da effettuare in qualunque luogo e momento tranquillo della giornata.

L’energia Reiki della persona armonizzata dal maestro nel corso del seminario, fuoriesce dalle mani e si attiva spontaneamente, dopo brevi e semplici preliminari, ogni qual volta  le appone ovunque ce ne sia necessità (irradiando con profondità di circa 30 cm in modo concentrato) dando l’opportunità di effettuare il training, oltre che per se stessa, anche per le altre persone, divenendo così una tramite, un ponte o canale fra l’energia Universale e ricevente oltre a beneficiarne in prima persona.

Il training si effettua mediante l’apposizione delle mani, mantenute per un certo tempo variabile da tre a cinque minuti (o volendo anche di più) per posizione sui Chakras (o ovunque nel corpo riteniamo opportuno) ottenendo così una crescente apertura dei medesimi, rimuovendo blocchi energetici che col tempo si erano venuti a creare, accelerando ed avviando così processi di riequilibrio e di disintossicazione.

Ciò comporta innumerevoli vantaggi come la prevenzione di malattie, longevità, positività e chiarificazione nonché eliminazione di blocchi inconsci emozionali e mentali accumulati che sono la causa di ogni malattia e disarmonia.

Per effettuare un corretto training, come prima cosa occorre sdraiarci o far sdraiare chi trattiamo comodamente a stomaco vuoto, in un locale il più possibilmente tranquillo a luci soffuse, magari con un po’ di musica rilassante bruciando qualche incenso, accertandoci che nessuno ci possa disturbare nel corso del training, staccando se necessario citofoni e telefoni.

La prima volta che si esegue un trattamento su di una persona è molto importante consigliare 4 giorni di training consecutivi che rappresentano l’impatto energetico necessario a creare l’equilibrio a livello dei Chakras; in seguito, basterà programmare un trattamento ogni quando lo si desideri o ce ne sia necessità.

Ricordarsi che durante l’auto/training, dall’inizio alla fine, per nessuna ragione il contatto fra le vostre mani e il corpo di chi trattate voi stessi compresi, non si deve interrompere; sia prima che dopo ogni training lavatevi bene le mani con acqua fredda.

Fate togliere le scarpe alla persona trattata e se potete anche voi stessi; assicuratevi che la persona compreso voi, non siate a contatto con oggetti metallici come orologi, orecchini, anelli, cinture, collane, ecc…..(una tuta come abbigliamento per entrambi è sempre l’ideale); fate attenzione durante il training che la persona non incroci gambe o braccia compresi voi stessi.

E’ consigliabile non parlare assolutamente durante il training, in caso la persona dovesse sfogare in maniera eclatante i propri  blocchi inconsci come piangere, ridere o altro (ma ciò non è una regola), lasciatela comunque fare e procedete il vostro trattamento in silenzio fino alla fine.

Prima di iniziare un qualsiasi training di Reiki, chi lo esegue dovrà fare per un certo tempo la centratura tenendo le mani sul proprio cuore (come per trattarlo) e rimanere concentrato per stabilire il contatto con l’energia Universale che si attiverà immediatamente; dopo circa un minuto o quando vi sentite pronti potete procedere; se trattate un’altra persona, prima di iniziare con la prima posizione, fate l’accarezzamento dell’aura per tre volte sia all’inizio che alla fine compresa

la centratura.

Le mani di chi tratta devono essere unite e toccarsi tra loro, comprese tutte le dieci dita, di modo da concentrare meglio l’energia incanalata sul punto da trattare (facendo eccezione ovviamente alle posizioni dove le due mani sono separate).

POSIZIONI PER L’AUTOTRAINING

Effettuare la centratura del Cuore

1) SOMMITA’ DEL CAPO (7° CHAKRA)

2) OCCHI (6° CHAKRA)

3) GOLA (5° CHAKRA)

4) CUORE (4° CHAKRA)

5) STOMACO (3° CHAKRA)

6) GENITALI (2° CHAKRA)

7) COCCIGE (1° CHAKRA)

Effettuare la centratura del Cuore

a_centraturaSM

CENTRATURA SUL CUORE

a_settimoSM

SETTIMO CHAKRA

a_sestoSM

SESTO CHAKRA

a_quintoSM

QUINTO CHAKRA

a_quartoSM

QUARTO CHAKRA

a_terzoSM

TERZO CHAKRA

a_secondoSM

SECONDO CHAKRA

a_primoSM

PRIMO CHAKRA

a_centraturaSM

CENTRATURA SUL CUORE

  N.B.:

          – è molto importante seguire tutti gli schemi dei Training senza saltare dall’inizio alla fine alcun passaggio;

         – mantenete ogni posizione per minimo 3 minuti circa (e volendo anche di più);

         – durante ogni Training è possibile effettuare di pari passo, delle posizioni alternative secondo le vostre necessità, ma ricordate di eseguire tutte le posizioni nell’ordine dall’alto al basso e senza saltarle.

POSIZIONI PER EFFETTUARE IL TRAINING ALLE ALTRE PERSONE

TRATTAMENTO RAPIDO

Centratura del Cuore

Accarezzamento dell’Aura (3 volte)

 

1)          OCCHI (6° CHAKRA)

2)          TEMPIE

3)          ORECCHIE

4)          SOMMITA’ DEL CAPO (7° CHAKRA)

5)          GOLA (5° CHAKRA)

6)          CUORE (4° CHAKRA)

7)          STOMACO (3° CHAKRA)

8)          GENITALI (2° CHAKRA)

9)          INTERNO COSCE (1° CHAKRA)

10)        MANI A “T” SUL CUORE PER CHIUDERE

Accarezzamento dell’Aura (3 volte)

Centratura del Cuore


Centratura sul cuore


Accarezzamento dell’aura


Occhi


Tempie


Orecchie

VII Chakra


Gola


Cuore

Stomaco


Genitali


Interno cosce

 


Cuore

 


Accarezzamento dell’aura


Centratura sul cuore

TRATTAMENTO DI EQUILIBRATURA DEI CHAKRA

Centratura del Cuore

Accarezzamento dell’Aura (3 volte)

1)          QUARTO CHAKRA

2)          TERZO E QUINTO CHAKRA

3)          SECONDO E SESTO CHAKRA

4)          PRIMO E SETTIMO CHAKRA

5)          SECONDO E SESTO CHAKRA

6)          TERZO E QUINTO CHAKRA

7)          QUARTO CHAKRA

Centratura del Cuore

Accarezzamento dell’Aura (3 volte)


Centratura sul cuore


Accarezzamento dell’aura


Inizio sul Quarto Chakra


Terzo e Quinto Chakra


Secondo e Sesto Chakra

 


Primo e Settimo Chakra

 


Ritorno Secondo e Sesto Chakra


Ritorno Terzo e Quinto Chakra


Conclusione sul Quarto Chakra

Accarezzamento dell’aura


Centratura sul cuore

TRATTAMENTO COMPLETO (Parte anteriore del corpo)

Centratura del Cuore

Accarezzamento dell’Aura (3 volte)

1)          OCCHI (6° CHAKRA)

2)          TEMPIE

3)          ORECCHIE

4)          PARTE POSTERIORE DELLA TESTA (mignoli a contatto)

5)          NUCA / FRONTE

6)          SOMMITA’ DEL CAPO (7° CHAKRA)

7)          GOLA (5° CHAKRA)

8)          SPALLE

9)          CUORE (4° CHAKRA)

10)        STOMACO (3° CHAKRA)

11)        INTESTINO

12)        FEGATO E MILZA

13)        GENITALI (2° CHAKRA)

14)        INTERNO COSCE (1° CHAKRA)

15)        GINOCCHIA

16)        POLPACCI

17)        CAVIGLIE

18)        DITA DEI PIEDI

Risalire con le vostre mani lungo il corpo fino alla spalla mantenendo il contatto e far girare la persona controllando che non incroci le gambe o sotto il corpo le braccia

Parte posteriore del corpo

19)     SPALLE

20)     BASE DEL COLLO

21)     CUORE

22)     STOMACO

23)     RENI

24)     COCCIGE (MANI A “T”)

25)     COCCIGE / NUCA (MANTENENDO LE MANI A “T”)

26)     INTERNO COSCE

27)     GINOCCHIA

28)     POLPACCI

29)     CAVIGLIE

30)     PIANTA DEI PIEDI

Mantenendo il contatto col corpo, risalire e fare la posizione di CHIUSURA

31)  MANI A “T” ALL’ALTEZZA DEL CUORE

 Accarezzamento dell’Aura (3 volte)

Centratura del Cuore


Centratura sul cuore


Accarezzamento dell’aura


Occhi


Tempie


Orecchie


Emisfero destro
e sinistro


VI Chakra


VII Chakra


Gola


Polmoni


Fegato


Milza e Pancreas


Stomaco


Intestino


Gonadi


Interno cosce


Ginocchia


Collo piede


Punta del piede


Mano spalla


Mano spalla


Cuore

Il partner
si
gira


Spalle


Polmoni


Surrenali


Reni


I Chakra


Colonna vertebrale


Popliti


Pianta del piede


Centro schiena


Accarezzamento dell’aura


Centratura sul cuore

ESPERIENZE CON IL REIKI DI PRIMO GRADO

Come già precedentemente accennato (e lo ribadisco), ogni cosa che vive e vibra è energia in movimento con caratteristiche variabili e proprie, e che quindi può essere trattata e purificata dall’energia riequilibratrice Universale del Reiki.

Per esempio:

– gli animali possono essere trattati come gli esseri umani per qualsiasi loro problematica apponendo loro le nostre mani sulla parte interessata;

– le piante, per dare loro il giusto nutrimento e vederle man mano crescere rigogliose apponendo le nostre mani per un certo tempo a contatto col terreno in prossimità delle radici;

– l’acqua, può essere trattata  tenendo in mano la bottiglia per circa mezz’ora e successivamente berla, ottenendo così l’eliminazione delle impurità all’interno dell’organismo;

– le medicine ed i cibi per togliere le proprietà nocive e chimiche senza che si alterino quelle attive tenendoli semplicemente fra le nostre mani per un certo tempo;

– caricando i cristalli, che come si sa emanano radiazioni benefiche per la nostra Aura (vedi Cristalloterapia) tenendoli semplicemente in mano;

……… ed infine tutto ciò che possiamo materialmente toccare.

Inoltre, il Reiki si abbina molto bene con altre terapie che comportano un contatto manuale col paziente come il massaggio; di seguito, ognuno potrà fare entusiasmanti esperienze con tutto ciò che desidera, appurando personalmente la potenza di questo mezzo come il Reiki.

BIBLIOGRAFIA CONSIGLIATA DEI TEMI TRATTATI

R E I K I

– Titolo: IL LIBRO DEL REIKI

autore: Diane Stein edizioni: Armenia

– Titolo: REIKI 1° GRADO

autore: A. Luijerink

– Titolo:  TERAPIA DEL CORPO E DELLA  MENTE

edizioni: Hermes

– Titolo: GUARIRE CON IL REIKI

autore: B. Muller – H.H. Gunter edizioni: Mediterranee

CHAKRA

– Titolo: IL 1° LIBRO DEI CHAKRA

autore: C.W. Leadbeater  edizioni: Blu International Studio

– Titolo: CHAKRA

autore: Margaretha Mijnlieff edizioni: Xenia

MEDITAZIONE ZEN

– Titolo: GUIDA ALLO ZEN

a cura dell’Associazione Italiana Zen Soto editore: De Vecchi Giovanni – Milano

– Titolo: LA PRATICA DELLO ZEN

autore: Katsuki Sekida edizioni: Ubaldini

– Titolo: ZEN PER L’OCCIDENTE

autore: S. Sekigurchi edizioni: Mediterranee

CRISTALLOTERAPIA

– Titolo: CRISTALLOTERAPIA

autore: Tabish Griziotti Basevi

– Titolo: COME CURARSI CON I CRISTALLI

edizioni: De Vecchi

– Titolo: L’ARTE DI CURARE CON LE PIETRE

autore: Micheal Gienger edizioni: Crisalide

PulsanteLibriConsigliati

Blackstar
About

Ricercatore della Verità, appassionato di Arti Marziali, Musica ed Esoterismo.

POST YOUR COMMENTS

Privacy Policy Cookie Policy

BANNER

Contact IT

Contact

Email: redazione@ilsapere.org

Phone: 392 3377372

Translate »