Saturday, 29/2/2020 UTC+2
IL SAPERE

Centrarsi nell’Hara

Centrarsi nell’Hara

Concentra l’energia nell’hara

il punto situato circa cinque centimetri al di sotto dell’ombelico. È il centro da cui fai il tuo ingresso nella vita e anche quello da cui muori, vai fuori dalla vita. Quindi è il centro di contatto tra corpo e anima. Se senti una specie di oscillazione a sinistra e a destra e non sai dov’è il tuo centro, questo dimostra che non sei più in contatto con l’hara, e che devi creare quel contatto.

Quando: La sera, prima di andare a dormire e come prima cosa al mattino.
Durata: 10-15 minuti.

Primo stadio: Localizza l’hara
“Sdraiati sul letto e metti entrambe le mani circa cinque centimetri al di sotto dell’ombelico e fai una leggera pressione.

Secondo stadio: Fai un respiro profondo!
“Inizia a respirare, a respirare profondamente. Sentirai che il centro si muove su e giù con il respiro. Senti tutta le tua energia in quel punto come se ti stessi restringendo e restringendo e restringendo fino a che esisti lì come un centro piccolissimo di energia superconcentrata.

Terzo stadio: Centrati mentre dormi!
“Addormentati mentre lo stai facendo – ti aiuterà moltissimo. In questo modo rimarrai al centro per tutta la notte. L’inconscio continuerà a muoversi verso quel punto e a centrarsi lì. Così, senza che tu lo sappia, durante la notte entrerai in molti modi in contatto profondo con il centro.

Quarto stadio: Riconnettiti con l’hara.
“La mattina dopo, appena senti che il sonno è scomparso, non aprire subito gli occhi. Metti di nuovo le mani su quel punto, fai un po’ di pressione, e inizia a respirare; senti di nuovo l’hara. Fallo per 10-15 minuti e poi puoi alzarti.
“Fallo ogni sera e ogni mattina. In tre mesi comincerai a sentirti centrato.
È essenziale avere un centro altrimenti ci si sente frammentati, divisi; altrimenti non si è ben integrati. Diventi una specie di puzzle – tanti pezzi diversi senza una gestalt, una figura unitaria. Non è una bella situazione, perché senza un centro puoi sì trascinarti, ma non puoi amare. Senza un centro puoi andare avanti nella tua vita con le cose di routine, ma non puoi mai essere creativo. Vivi al minimo. Non sarai in grado di vivere al massimo. Solo centrandosi, si può vivere al massimo, allo zenith, al vertice, al culmine, ma quella è l’unica vera vita.
Ad esempio, penserai di meno perché l’energia invece di andare nella testa andrà nell’hara. Più pensi all’hara, più ti concentri in quel punto, più scoprirai che dentro di te sta nascendo una disciplina. Accade naturalmente, non deve essere forzata.
Più sei consapevole dell’hara, meno avrai paura della vita e della morte, perché questo è il centro della vita e della morte. Quando sei entrato in sintonia con il centro dell’hara, sei in grado di vivere con coraggio. Il coraggio nasce da questo: meno pensieri, più silenzio, meno momenti incontrollati, disciplina naturale, coraggio e radicamento, una certa solidità.

Fonte: osho.com

PulsanteLibriConsigliati

 

VIENI A CONOSCERE LA NOSTRA ORGANIZZAZIONE - Clicca sui loghi qui sotto -

 

SE TI E' PIACIUTO L'ARTICOLO CONDIVIDILO SUL TUO SOCIAL PREFERITO

admin
About

Con mente Chiara e Luminosa affronta audace il tuo Destino, senza indugio percorri la Via che conduce alla Conoscenza. Con Cuore Puro e Volontà di ferro, niente e nessuno ti può fermare. Per te ogni cosa diventa possibile.

POST YOUR COMMENTS

Privacy Policy Cookie Policy

BANNER

Contact IT

Contact

Email: redazione@ilsapere.org

Phone: 392 3377372

Translate »